La ricetta del tiramisù nella variante al limone

di Ishtar 0



Io vado matta per il tiramisù. E’ uno dei pochi dolci con la crema che mi piaccia. Tra i miei preferiti c’è quello classico, al caffè, per una caffeinomane come me è l’apoteosi del gusto. Ma non disdegno neanche la altre varianti: ricordo che una volta preparai il tiramisù alle fragole ed ebbe così tanto successo che lo rifeci diverse volte in pochi giorni. Ma oggi non parleremo nè del primo, nè del secondo, bensì ci soffermeremo sul tiramisù al limone. Inizialmente devo dire di non essere stata molto propensa nel provarlo, non so, ma l’idea del limone in un tiramisù non mi faceva impazzire. Però qualcuno in famiglia me l’ha richiesto con troppa insistenza perchè io potessi dire no, e quindi mi sono buttata. Beh, non fate come me: non abbiate timore: il tiramisù al limone è buonissimo, un dessert veloce e fresco adatto alle temperature primaverili ed il lato positivo è che potete prepararlo anche in anticipo e tenerlo in freezer fino al momento in cui vi servirà. Scegliete solo limoni biologici, se possibile, anche perchè ne dovrete utilizzare la scorza grattugiata per la decorazione.

tiramisù al limone


Ingredienti

500 gr. mascarpone | 5 uova | 150 gr. zucchero | 250 gr. panna | limoni non trattati | liquore limoncello | savoiardi o pan di spagna

Preparazione

   Montare i tuorli con lo zucchero fino ad avere un composto gonfo e spumoso, quasi bianco. Unire il mascarpone e continuare a mescolare. Montare separatamente la panna e le chiare a neve.

   Aromatizzare la crema di mascarpone con la buccia del limone e volendo un poco di succo, aggiungere la panna montata e da ultime le chiare mescolando dall'alto al basso per non smontare il composto.

   Comporre il dolce in una teglia o in un altro contenitore cominciando con uno strato di biscotti leggermente inzuppati nel limoncello allungato con un poco di acqua, fare uno strato di crema, poi biscotti, poi crema.

   L'ultimo strato deve essere di crema. Decorare la superficie con zeste di limone sottili.

   Mettere in congelatore fino al momento di servire. Un'oretta prima di servire tirare fuori dal congelatore e tenere in frigo.

Inutile dire che di varianti del tiramisù ce ne sono a bizzeffe: c’è quello all’ananas, quello all’arancia, ai lamponi, o ancora la variante light con lo yogurt al posto del mascarpone, quello alla ricotta e si protrebbe continuare all’infinito. L’importante è avere unavalida ricetta base da modificare all’occorrenza. Dimenticavo, la  cosa più importante: utilizzate solo uova freschissime: dato che andranno consumate a crudo nell’impasto, è meglio non rischiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>