Pesce a tavola, la tendenza dell’estate 2017

di Fabiana Commenta

Con le alte temperature cambia e l’arrivo della piena estate cambia anche la nostra dieta: la scarsa voglia di stare ai fornelli offre la possibilità di privilegiare soprattutto piatti freschi e leggeri facili da preparare.

Fra le tendenze dell’estate 2017 torna ancora una volta il pesce, servito come antipasto, ma non solo: ottimo anche come condimento per i primi, è perfetto anche per secondi leggeri, carpacci e crudi di pesce nutrienti e freschi. 

Con l’arrivo dell’estate cambiano le abitudini di 4 italiani su 5 a tavola come confermato da un’indagine di Federcoopesca-Confcooperative che ha stimato un aumento fra il 10 e il 15% di consumo di pesci, molluschi e crostacei in estate.

Ma cambiano anche le modalità di cucinare il pesce: meglio la grigliata della frittura, mentre a pranzo vince il piatto unico perfetto anche per la spiaggia: via libera quindi a insalate di mare o paste fredde condite con pesci e molluschi.

Il consiglio è di scegliere soprattutto pesce di stagione, come alici, lanzardi, ricciole, occhiate, sugarelli, totani, triglie, ma senza dimenticare tonno, pesce spada, crostacei e molluschi bivalvi come vongole, fasolari e cozze. E per fare i propri acquisti in tutta sicurezza arrivano i consigli dell’Associazione.
Meglio il pesce intero allo sfilettato, perché è più semplice riuscire a capire la differenza tra le specie diverse e controllare sempre l’etichetta, dove deve essere indicato il nome scientifico della specie e la zona di produzione (per il Mediterraneo è Fao 37). E ovviamente meglio affidarsi al negoziante di fiducia. Per i più tecnologici c’è l’App dell’associazione ”Che pesce sono?” per conoscere per ogni prodotto le indicazioni in merito a stagionalità, denominazione scientifica e commerciale, ma anche metodi di pesca e qualità nutrizionali.

SOGLIOLE IN PADELLA CON IL BURRO

FILETTO DI TRIGLIA CON PATATE

FILETTO DI PESCE CON SALSA AL POMODORO

 

photo credits | thinkstock