Frittata, tre metodi di cottura

di Fabiana Commenta

Si fa presto a dire frittata: non è certamente solo un piatto a base di uova. Esistono tantissime varianti di un piatto povero, ma estremamente nutriente che può essere personalizzato in tanti modi diversi e con tanti ingredienti diversi, dalla verdura al formaggio… e solo per citarne qualcuno, senza poi dimenticare la ricetta della frittata di riciclo che si adatta perfettamente come ricetta per utilizzare gli avanzi, come ad esempio la pasta.

frittata, frittata spumosa

Se la cottura tradizionale della frittata è per lo più in padella, è anche vero che esistono diversi altri metodi di cottura, soprattutto per venire incontro chi non abbia trappa  dimestichezza con la difficile operazione di girare la frittata. 

Certo, aiutandosi con un coperchio o un piatto, l’operazione diventa abbastanza agevole, ma è anche vero che è possibile optare anche per altri metodi di cottura. 

Oltre alla cottura in padella potrete infatti scegliere la cottura in forno oppure la praticissima cottura al microonde mentre per chi ama le cotture leggere è bene optare per la cottura al vapore. 

Cottura al forno

La cottura è molto semplice: è necessario versare le uova sbattute all’interno di una pirofila unta generosamente lasciando cuocere in forno a 200 gradi per circa 20 minuti per un risultato ottimale. Per evitare che la frittata si attacchi dovrete scegliere una teglia antiaderente ungerla. 

Potrete utilizzare la carta forno, bagnarla e strizzarla, poi sistemarla sulla teglia e versare l’olio e solo a quel punto versare anche le uova. 

Cottura a vapore

Per i maniaci della cottura light, la cottura al vapore è la soluzione giusta che assicura una frittata cremosa e soffice. Non otterrete la classica frittata dorata, ma veramente leggera: dovrete utilizzare i vassoi che si trovano all’interno delle apposite vaporiere o i cestelli in. Bambù.

Cottura al microonde 

Facilissima anche la cottura al microonde, purché abbiate a disposizione un recipiente adatto che dovrà essere coperto con un piatto. Per quando riguarda la temperatura cominciate con una temperatura alta per un minuto e via via controllate la cottura fino al risultato voluto. In questo caso dovrete imparare a sperimentare e a conoscerei vostro forno. 

 

photo credits | think stock