Expo2015, dal Venezuela la ricetta del platano fritto

di Ishtar 0



Dal Venezuela arriva, per Expo2015, la ricetta del platano fritto. Preparazione semplice e comune un po’ a tutti i Paesi del Sud America, si tratta di un antipasto o di un contorno che ben si abbina a numerosi secondi piatti. Ricorda vagamente il sapore delle patatine fritte. Attenzione, però, a non confondere il platano con la banana: il primo è infatti più grande e quando è verde ha un sapore neutro che si presta all’utilizzo come ingrediente nelle preparazioni salate.

Platano fritto


Ingredienti

1 platano verde grande | olio di semi | sale

Preparazione

  Sbucciare il platano e tagliarlo in obliquo per ottenere delle fette più lunghe.

  Mettere a scaldare in un tegame dell'olio quindi, una volta caldo unire le fette di platano e farle cuocere per 2-3 minuti.

  Scolarle su un foglio di carta assorbente da cucina e salarle leggermente. Schiacciarle con un batticarne per appiattirle e gustarle calde.


Contrariamente a quanto potrebbe sembrare, dunque, il platano fritto è un piatto salato, perfetto da sgranocchiare anche come snack davanti la tv o da servire nell’ambito di un aperitivo sfizioso. Volendo, invece, preparare una versione dolce della ricetta scegliete dei platani molto più maturi caratterizzati da una buccia che viri al giallo, simili, nel gusto e nell’utilizzo, alle comuni banane.

Il platano fritto si presta, come accennato prima, come accompagnamento di molti alimenti. Può essere servito anche a colazione e insieme a formaggi freschi o spalmabili. La tradizione culinaria venezuelana, che potrete scoprire dal vivo visitando Expo2015, è ricca di pietanze affascinanti. Per gustarle personalmente recatevi presso il Padiglione del Venezuela, mentre per tutti gli approfondimenti visitate il sito ufficiale di Expo2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>