Pasqua, 5 alimenti tradizionali italiani

di Fabiana Commenta

È una delle feste più importanti della cristianità ed è una festività a cadenza variabile, ma di fatto la Pasqua si celebra sempre in primavera legandosi anche all’esaltazione della nuova stagione e dell’abbondanza dopo la fine della Quaresima. E allora ecco che sulle tavole italiane, in ogni regione, arrivano piatti di ogni genere all’insegna della carne di agnello (nonostante comincia a cade in disuso per scelta etica), delle verdure, della pasta.

Menù Pasqua 2016 Bimby

E ogni regione sembra avere le sue ricette tipiche che sembrano tornare nonostante le varianti. Ma quali sono i cibi tradizionali che si trovano sulle tavole degli italiani in occasione della Pasqua?

Agnello

Il grande protagonista senza subbio resta l’agnello che viene preparato in modi diversi in base alla regione, ma che si trova praticamente in tutta Italia. 

A Roma si mangia l’abbacchio alla romana, cotto con vino, acciughe salate, rosmarino e aglio, in Umbria c’è la versione tartufata, in Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Veneto, ma anche Campania è un classico l’agnello con le patate, cucinato arrosto in Liguria ed Emilia Romagna.

Uova

Sono il simbolo dell’abbondanza e della rinascita legata alla primavera e vengono spesso e volentieri accompagnate dalla presenza di salumi e affettati misti. Le uova sode sono un alimento irrinunciabile della colazione di Pasqua.

Verdure

Spazio a verdure soprattutto di stagione, ma legati anche al territorio: in Sardegna si consumano sopratutto i carciofi e in Puglia i cardoncelli, lessati, soffritti in olio e aglio e insaporiti con pomodorini, ma nel Centro Italia non mancano neppure le fave.

Pasta fatta in casa

Dato che la Pasqua è un’occasione di festa, è impensabile rinunciare alla pasta fresca: son molte le regioni in cui è diffusa la classica sfoglia all’uovo, ma anche la sfoglia prepara semplicemente con acqua e farina, in base alla tradizione locale. Si va dagli agnolotti ripieni alle lasagne verdi con besciamella e ragù alla bolognese fino alle orecchiette pugliesi.

Torta Pasqualina

È una ricetta molto antica che risale al XV secolo ed è nata a Genova: è una torta salata costituita da 33 sfoglie, come gli anni di Cristo, che vengono poi farcite con un ripieno di bietole o carciofi, prescinseua ligure, uova e maggiorana e che presenta diverse versioni in tutta Italia.

 

photo credits | thin stock