Ostriche, come si scelgono e come si gustano

di Fabiana 0

Le ostriche? O le ami o le odi: in effetti non c’è alcuna via di mezzo quando si parla di ostriche, molluschi costosi e molto ambiti che vanno generalmente consumate nei mesi con R, soprattutto in quelli invernali. 

Nonostante siano particolarmente prelibare e hanno la fama riessere afrodisiache, le ostriche però non piacciono a tutti, ma se le amate sappiate che vanno seguiti una serie di consigli di degustazione forniti via Ansa da Anthony Hardy, giovane chef del ristorante dell’hotel Logis Chateau de Sable di Porspoder. 

Il consiglio è di assaporate le ostriche al naturale e senza nessuna aggiunta. Se si volesse però sperimentare comunque un abbinamento, è possibile gustarle con una semplice  fetta di pane insieme al burro semi salato in modo tale da riuscire a valorizzare il prodotto. 

Non tutti sanno che esistono diverse varietà di ostriche come la Belon o la Morlaix: la differenza maggiore è conferita dalla texture e dalla sensazione che regala in bocca, ma un altro aspetto è dato dal sapore perché possono essere più o meno carica di iodio, possono sapere di nocciola o di alghe. 

Ma come scegliere le ostriche migliori? Esiste un trucco e consiste nel battere leggermente sulla superficie del guscio: lo stesso guscio non dovrà  “suonare” vuoto e sarà necessario controllare che le valve siano del tutto chiuse. Una volta aperte, il mollusco deve ritrarsi, se viene toccato. Inoltre, dovrete anche considerare il periodo dell’anno: da settembre ad aprile, infatti, le ostriche hanno odore e sapore particolarmente gradevoli tanto che i mesi consigliati sono proprio quelli invernali dove compare la lettera R. 

 

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>