Fermo pesca, scatta il fermo biologico nello Ionio e nel Tirreno

di Fabiana Commenta

È scattato dall’8 settembre il nuovo fermo biologico obbligatorio per la pesca a strascico che va da Brindisi al Compartimento marittimo di Roma. 

Terminerà fra un mese, il 9 ottobre, come previsto dal provvedimento, che intende ottenere il ripopolamento della fauna ittica attraverso lo stop alternato nei mare italiani: è relativo al Compartimento di Roma, alle marinerie di Fiumicino ed Anzio e coinvolge un totale di circa 50 pescherecci. 

10 cibi più sani migliori ricette prepararli (FOTO)

Non tutte le zone osservano però le stesse date. Nel Lazio, la marineria di Civitavecchia sarà soggetta allo stop dal 1° al 30 ottobre con i compartimenti del mar Tirreno Nord e fino ad Imperia. 

Il blocco sarà sostanzioso: solo da Fiumicino, il minor approvvigionamento giornaliero di pesce fresco arriva a circa 70 quintali e le strutture di ristorazione devono organizzarsi e supplire alla carenza di pesce fresco. Il pesce fresco arriverà comunque sulle tavole dei ristoranti e delle pescherie romane, ma dal mar Adriatico per cui si è riaperta la pesca dopo il periodo di fermo obbligatorio, nell’area settentrionale, da Ancona a Trieste. Gli approvvigionamenti possono però arrivare anche dall’estero o dalla piccola pesca come consentito dalla legge. 

Ancora in corso il fermo nella parte centrale del Mar Adriatico, che va da San Benedetto del Tronto a Termoli, cominciato lo scorso 13 agosto e in vigore fino al 23 settembre. È stato avviato lo scorso 27 agosto anche il fermo pesca che va nella porzione dell’Adriatico meridionale, da Manfredonia a Bari e che include anche Bisceglie: si concluderà il prossimo 7 ottobre.