Cibi dannosi per i denti, gli insospettabili

di Fabiana 0

La lista degli alimenti che causano le carie oltre lo zucchero secondo gli esperti di This Is insider.

Se pensate che solo ed esclusivamente lo zucchero sia dannoso non solo per i denti, ma faccia effettivamente venire la carie, allora siete fuori strada. Insomma, è vero che lo zucchero fa ingrassare, è vero che causa la carie, ma ci sono altri cibi, meno pericolosi apparentemente, ma che possono provocare le carie danneggiando i nostri denti.

E se volete una lista aggiornata sui cibi pericolosi per i nostri denti, ecco le dritte degli  esperti stilati per This Is insider.com

I cracker e i salatini: sono molto pericolosi per i denti visto che vengono preparati con  farine elaborate che li rende molto fermentabili e con un indice glicemico alto. Meglio la frutta, meglio le mandorle e i quadratini di cioccolato anche per i bambini.

Frutta secca: trattandosi di una frutta disidratata contiene un’alta concentrazione di zucchero.

Caramelle: pessima idea quella di consumare caramelle che restano in bocca un bel po’ causando non pochi danni.

Pompelmo: utilissimo per la linea, il pompelmo è pericoloso per i denti visto il suo sapore acido che si traduce in effetto corrosivo dei batteri sui denti.

Caffè: occhio anche al caffè. Oltre a macchiare i denti genera acido tannico a causa dell’alta temperatura del caffè torrefatto. Possiamo almeno consolarci del fato che l’espresso italiano va bevuto in pochi minuti ed è meno dannoso del caffè lungo americano che va sorseggiato a lungo.

CAFFE’, ARRIVA LO SPECIALITY COFFEE

Bibite gassate e tè freddo al limone: entrambi sono dannosi per i denti.

Insomma meglio scegliere bevande che non aggrediscono il calcio: via libera ad acqua semplice, latte e caffè decaffeinato.

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>