Il Cognac, l’acquavite dallo spirito francese – parte1

 
Roberto
21 maggio 2008
Commenta
uva Il Cognac, lacquavite dallo spirito francese   parte1

Osservando attentamente una cartina geografica della Francia, cercando ad ovest, dalla parte che si affaccia sull’Oceano Atlantico, poco sopra Bourdeaux potrete scorgere una piccola cittadina di nome Cognac, ebbene è proprio da questo punto che inizia il nostro viaggio.

In questo piccolo comune francese, come rivela lo stesso nome del luogo, si produce il celebre distillato di vino che tutto il mondo conosce come Cognac, e visto che questo è l’argomento che tratterò oggi, non potevo far a meno di iniziare collocando geograficamente l’area di produzione di questo liquore.

Area di produzione, che come esige la tradizione viticola francese, è più che determinante per la qualità e la tipicità del vino e dei distillati. Il Cognac, in particolare, visto che dal punto di vista produttivo è uguale al Brandy, deve molto alla sua zona d’origine che gli conferisce il nome e che ne caratterizza la personalità.


cognac bich Il Cognac, lacquavite dallo spirito francese   parte1

Nel 1909 venne sancito ufficialmente che il nome Cognac poteva esser dato esclusivamente ai distillati di vino prodotti nelle zone o crù della Charente, e più precisamente furono distinte le crù di :
  • Grande Champagne
  • Borderies, a nord di Cognac
  • Petite Champagne
  • Fins Bois
  • Bons Bois
  • Bois à Terroir o Bois Ordinaire, lungo la costa dell’oceano Atlantico

Un altro fattore che non può certamente esser trascurato, al fine di ottenere un prodotto di qualità dal carattere unico, è la materia prima, in questo caso, l’uva con cui si fa il vino da cu si produce l’acquavite. Il principale vitigno coltivato per la produzione del Cognac è l’Ugni Blanc, il corrispondente francese del nostro Trebbiano Toscano, altre varietà come la Folle Blanche e il Colombard sono utilizzate solo in piccole quantità.

I vigneti sono fortemente influenzati dal terroir, di conseguenza dalle differenti combinazioni di vigneti nelle diverse crù si otterranno prodotti caratteristici. Ogni crù conferisce, infatti, delle peculiarità organolettiche differenti ad una determinata varietà di uva.
Dalla combinazione di questi due fattori nasce un prodotto unico nel suo genere: il Cognac.

Articoli Correlati
Crostata di lamponi al profumo di Cognac

Crostata di lamponi al profumo di Cognac

In questo periodo decidere che dolce preparare è sempre un pò complicato perchè fa caldo, perchè magari si è in vacanza e c’è bisogno di trovare soluzioni facili e veloci […]

Ricette Bimby dolci, i toast alla francese

Ricette Bimby dolci, i toast alla francese

I toast non sono solo quelli salati, cioè due calde fette di pane tostato ripiene di prosciutto e formaggio o altri ingredienti. Da qualche giorno ho scoperto nel mio ricettario […]

Mostra Mercato Nazionale del Distillato 2010, come trascorrere tre giorni con spirito

Mostra Mercato Nazionale del Distillato 2010, come trascorrere tre giorni con spirito

Mostra Mercato Nazionale del Distillato LUOGO: Rocca Paolina a Perugia | DATA: dal 29 al 31 gennaio 2010| ORA: dalle ore 10.00| PRODOTTI TIPICI: grappe e distillati. La Mostra Mercato […]

Giuggiole sotto spirito, un ottimo digestivo

Giuggiole sotto spirito, un ottimo digestivo

TEMPO: 30 minuti + tempo macerazione| COSTO: medio| DIFFICOLTA’: difficile VEGETARIANA: SI | PICCANTE: NO | GLUTINE: NO | BAMBINI: NO Abbiamo già incontrato le giuggiole in passato, concentrandoci sulla […]

Il Cognac, l’acquavite dallo spirito francese – parte2

Il Cognac, l’acquavite dallo spirito francese – parte2

Ieri abbiamo scoperto insieme i luoghi dove nasce il cognac e quali sono gli elementi fondamentali per ottenere un prodotto di così alto pregio. Ma dobbiamo ancora scoprire la magia […]

Lista Commenti