Le tortillas messicane: fajitas, tacos, burritos, empanadas e enchiladas

di Cecilia Morello 12

tortillas
Le tortillas, sfoglie di mais o frumento utilizzate per accompagnare altri cibi, possono essere definite a tutto diritto il simbolo della cucina messicana. Esistono molti tipi di tortillas e cambiano nome a seconda di come vengono farcite, piegate e cotte.
  • Burritos: sono preparate con la farina di frumento e sono farcite con pesce, carne o riso. Sono a forma di fagottino, con i bordi che vengono chiusi con gli stuzzicadenti.
  • Empanadas: possono essere di frumento e mais e sono diffuse soprattutto in Sud America. Sono a forma di mezzaluna e possono essere farcite anche con la frutta e servite come dessert
  • Enchiladas: assomigliano ai nostri cannelloni e vengono cotte in forno
  • Fajitas: vengono servite come semplici tortillas, senza alcuna farcitura. Con un po’ di pollo e insalata vicino
  • Tacos: tortillas di mais farcite e piegate a metà


Le più adatte per una cena tra amici potrebbero essere le fajitas, da portare calde in tavola con, a parte, carne, verdure e salse come l’immancabile guacamole e peperoncini di ogni forma e grado di piccantezza. Ognuno potrà servirsi e farcire la propria tortillas a piacere. Preparare delle tortillas da soli in casa è abbastanza semplice, vogliamo provarci?
Le tortillas di frumento sono forse quelle più conosciute e sono quelle che prepareremo. Gli ingredienti sono molto semplici. Mettete in una bella zuppiera:
500gr di farina | 1/2 cucchiaio di lievito | Un po’ di sale | 100 gr di strutto (per renderle più elastiche)
Preparazione:
Mescolate il tutto ed aggiungetevi lentamente 1,2 dl di acqua calda, finchè il vostro impasto non sarà compatto. Lavoratelo per una decina di minuti su un piano infarinato, come fareste per il pane. Dividete l’impasto in 12 pezzi uguali e fatene delle palline. Spianatele con un mattarello fino ad ottenere dei dischi.
Per evitare che l’impasto delle tortillas si crepi e si rompa quando lo lavorate con il mattarello provate a metterlo tra due fogli di plastica e lavorarlo così. Quando sarà abbastanza sottile fatela scivolare sulla piastra calda o in una pedalle antiaderente o nelle padelle per fare le crepes, e cuocete per 1 minuto appena per parte.

Per l’interno potrete sbizzarrirvi come volete: Se il procedimento vi ha divertito potreste riprovarci fino ad essere perfette, ma se, pur amando la cucina messicana, la creazione di tortillas non fa per voi, abbiamo la soluzione: un tortilla maker!