Miele aromatizzato alle more e ai fiori

miele aromatizzato more fiori

Il miele aromatizzato è una di quelle delizie che ho scovato per caso durante una fiera di alimenti biologici. Dopo aver scoperto che si poteva aromatizzare il miele con le erbe, con la frutta e con aromi di tutti i tipi, credevo che farlo in casa fosse un’impresa impossibile. In realtà, esistono dei metodi casalinghi per aromatizzare il miele e ottenere risultati ottimi. Il procedimento è semplice ma richiede alcuni accorgimenti, essenziali per ottenere un miele che non si rovini e che si possa conservare a lungo.

Miele aromatizzato, ricetta con frutta o erbe

miele aromatizzato ricetta frutta erbe

Alla fragola, alla menta, allo zafferano e al limone: il miele aromatizzato è una delizia per veri golosi. Forse avrete avuto la tentazione di cercare di riprodurlo in casa e per questo oggi tenteremo di fare chiarezza. Aggiungere al miele gli aromi non è così semplice, specialmente se si tratta di aromi alla frutta. La frutta fresca è in generale molto acquosa e aggiunta al miele (senza essere trattata a dovere o liofilizzata) ne causa la fermentazione, a meno che non si aggiungano dei conservanti oppure il miele sia sottoposto alla pastorizzazione. Ma a questo punto perde molta della sua genuinità. Ci sono però alcuni metodi, e soprattutto alcuni ingredienti, che vi permetteranno di aromatizzare il miele in casa.

Il miele, l’oro delle api. Di timo, di erica, di lavanda o millefiori

Citando un romanzo di Maxence Fermine dal titolo “L’apicoltore”:
Le api possono morire d’amore per un fiore.
Le api possono morire d’amore.
Le api possono.
In verità io non so niente di quel che possono le api.

Anch’io mi sento di poter affermare di non saper niente di quel che possono le api, ma una cosa che di certo possono è quella di produrre lo splendido nettare dorato che noi tutti conosciamo, il miele.

Per chiarire meglio il significato del miele, citando sempre lo stesso romanzo: “ il miele è un sole che si coltiva, e per fare un buon sole ci vuole tempo” , non a caso gli antichi greci lo chiamavano il nettare degli dei.