Alla scoperta del tamarindo, il frutto dalle mille proprietà benefiche

di pask 0

Che cos’è il tamarindo?

Il tamarindo è il frutto di un albero presente in Asia ed in America centrale. È un baccello legnoso di circa 10 centimetri con al suo interno dei semi ricoperti da una polpa, il tutto commestibile. Il tamarindo quando è maturo al punto giusto è dolce, e per questo viene chiamato anche dattero d’India. L’albero di questo frutto cresce in ambienti ad alte temperature e all’esposizione diretta al sole, vicino al mare. Questo frutto, ancora non molto conosciuto in Italia, è usato in Oriente come base per salse, zuppe e minestre. Esso ha un grande valore nutrizionale: la polpa è composta da carboidrati ed acqua, e solo in minima parte da proteine, fibre alimentari e sali minerali come potassio, fosforo, magnesio, sodio, calcio e selenio. È ricco di acido tartarico, un antiossidante alleato nel combattere i radicali liberi, e di vitamine A, B1, B2, B3, B5, B6, C, K, e J.

Proprietà e benefici

Il tamarindo è un vero toccasana per la salute, non solo grazie alle sue proprietà antiossidanti, ma anche per contrastare la stitichezza e per l’azione positiva nel trattamento del diabete: sembra infatti che riesca ad abbassare il livello di glicemia nel sangue. Il potassio in esso contenuto aiuta nella regolazione della pressione arteriosa. Sembra che la sua assunzione come integratore abbia anche effetti dimagranti poiché aiuta il corpo nell’assorbimento di grassi e zuccheri e la depurazione dell’intestino.

Questo frutto è conosciuto e utilizzato da secoli nel mondo Orientale, ad esempio in Cina la polpa e la radice sono usati per trattare diarrea e dissenteria. Altra caratteristica di questo frutto benefico è la capacità di abbassare la febbre, per questo motivo viene utilizzato nei paesi tropicali come rimedio alla malaria.

Altra curiosità è che masticare i semi fa bene ai denti alle gengive poiché rimuove le macchie e la placca.

Come procurarselo?

È possibile trovarlo in negozi specializzati nella vendita di cibo esotico oppure online, e le forme in cui è venduto sono molte. Possiamo trovare: il frutto da cui estrarre direttamente semi e polpa, lo sciroppo, la pasta (che è la versione raffinata della polpa), o i semi.

Che cosa non fa questo frutto miracoloso?

Fonte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>