Rollini speziati

di Mammazan 0

TEMPO: 40 minuti | COSTObasso | DIFFICOLTA’bassa

VEGETARIANA: SI | PICCANTENO | GLUTINESI | BAMBINI: SI


Il mondo dei foodblogger è variegato.

Ci sono quelli gestiti in modo corretto e cioè l’autrice o l’autore propongono delle ricette dopo averle personalmente preparate, testate con il valido aiuto di cavie volenterose, e quindi i risultati, documentati da foto più o meno belli, pubblicati.

Poi ci sono altri blog in cui, a volte, vengono proposte preparazioni copiate da altri blog e l’etica impone di citare la provenienza della ricetta e questo viene regolarmente fatto.

E fin qui tutto bene.

Ma recentemente in rete c’è uno sport discutibile e cioè quello scoperto di recente da alcune amiche blogger, ma in voga da chissà quanto tempo, che consiste nel copia-incolla di ricette altrui corredate da foto anche quelle RUBATE, senza il consenso dell’autore o autrice.

Personalmente ho constatato che mi sono state “carpite” ben 5 ricette e la cosa com’è naturale mi è seccata molto.

Ovviamente, con zero fatica, i gestori di questi siti ne arricchiscono i contenuti, infarciti di pubblicità, inserendo prodotti accattivanti, in questo caso ricette, che attraggono inevitabilmente i navigatori del web.

Rivolgo un appello a coloro che si imbattessero in questo fenomeno deprecabile di avvertire i responsabili del blog in modo da prendere provvedimenti nelle sedi adatte.

E ora dopo questo pistolotto passo alla ricetta che propongo oggi e cioè questi particolari rollini dal sapore deciso ed insolito…. chi ama le spezie, penso, potrà apprezzarli.

Possono essere un invitante accompagnamento al the pomeridiano o, perché no, un’ idea per un regalo mangereccio per Natale da preparare con un certo anticipo!!

Costo: medio

Difficoltà: media

Ingredienti:

  • 350gr di farina 00
  • 16gr di lievito di birra fresco
  • 120gr di olio extravergine
  • 1 pizzico di sale
  • 100gr di zucchero
  • 50gr di noci tritate
  • 70gr di uva passa gigante (io ho usato quella cilena, in mancanza va bene anche quella sultanina)
  • 1 bicchierino o poco più di rum di buona qualità (sufficiente per ricoprire l’uva passa)
  • 12gr di spezie miste tritate finemente (chiodi di garofano,cannella, noce moscata)
  • 200gr di marmellata di albicocche

La buccia grattugiata di un limone non trattato

Sciogliere il lievito in poca acqua appena tiepida con l’aggiunta di ½ cucchiaino di zucchero.

Mettere a bagno con un certo anticipo, almeno 30’/40′ l’uva passa.

Versare nel bicchiere del mixer con le lame per impastare la farina, lo zucchero e le spezie tritate molto finemente.

Aggiungere il lievito di birra ormai sciolto, l’olio extravergine ed azionare il robot fin quando tutti gli ingredienti si sono ben amalgamati e si è formata una palla dalla consistenza MORBIDA. Se necessario aggiungere ancora e a filo un poco di acqua calda.

Lavorare brevemente il panetto, inciderlo a croce e porlo in una terrina, sigillarla con pellicola trasparente e metterla a lievitare in un luogo tiepido e al riparo da correnti per almeno 1 ora e ½ o fino al raddoppiamento del volume.

Io di solito metto la scodella nel forno spento con la sola luce di cortesia accesa. Sono sicura così che il luogo è tiepido al punto giusto perché la luce del forno crea un modesto calore che è quello necessario per una corretta lievitazione.

Passato questo tempo stendere l’impasto a forma di rettangolo sul piano di lavoro ben infarinato.

Mescolare alla marmellata il rum, la buccia del limone grattugiata, le noci tritate, l’uvetta ormai ben ammollata e che va strizzata e asciugata con cura.

Disporre quindi la farcia sul rettangolo in modo regolare, arrotolate in modo da formare un lungo “salame” avendo avuto cura di sigillare il bordo e le estremità con le dita inumidite di rum.

Tagliare quindi delle fette spesse circa ½ cm o poco più e disporle su una placca rivestita di carta da forno e disponendo le fette in orizzontale come appare nelle foto.

Far lievitare ancora almeno 15’/20′ e poi infornare in forno preriscaldato e ventilato a 170° per 15′ o fino a duratura.

Quando si tratta di piccola pasticceria controllare, passati pochi minuti, la cottura e in continuazione perché la cottura è rapida per la pezzatura dei biscotti in generali e di questi rollini in particolare.

Sfornare quindi i dolcetti e quando sono ben freddi conservarli in scatole di latta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>