Il ciambellone più soffice del mondo: sicuro successo con la ricetta di Adelaide Melles

ciambellone soffice adelaide melles

 

Stupire gli amici con una ricetta semplice ma di sicuro effetto certamente si può, soprattutto quando il mix di ingredienti è talmente perfetto da riuscire a dare vita ad una delizia del palato veramente speciale. Merito di Adelaide Melles, che conosce tutti i segreti del settore culinario e che oggi ci svela i trucchi per realizzare al meglio il suo “Ciambellone più soffice del mondo”. Andiamo, però, prima a scoprire la storia di Ady, questo il suo nick, chef e nota blogger di cucina con il suo visitatissimo sito www.diariodiunapassione.it.

Adelaide Melles, nasce a Napoli, dove frequenta l’Istituto Universitario Orientale. Si stabilisce a Teramo, dove oggi vive con la famiglia. La sua passione, fin da bambina, è il mondo della cucina e, a differenza di molti altri esperti del settori, la sua caratteristica principale è quella di voler condividere con il pubblico le sue specialità: ecco perchè il suo è in assoluto tra i blog enogastronomici più visitati a livello nazionale.
Ha partecipato come esperta a diverse trasmissioni televisive su canali satellitari come Alice tv e RaiSat Gamberorosso channel, ha, inoltre, condotto uno spazio settimanale dedicato alla cucina nell’ambito del programma televisivo “Primaditutto” in onda sulla TV teramana Teleponte e, nel 2009, ha pubblicato il suo primo libro “Le ricette di Ady”. Oggi è iscritta alla Federazione Italiana Personal Chef, effettua corsi di cucina, consulenze gastronomiche, cucina a domicilio e le sue ricette si possono trovare pure su  www.teramoweb.it. Andiamo ora a scoprire la nostra specialità del giorno.

Molti identificano Adelaide con questa sua ricetta, anche se ovviamente, sa stupire con mille altri piatti. Si tratta di un ciambellone tratto da un vecchio ricettario della madre e personalizzato, tanto da avere dato il via ad un successo come pochi altri in Italia. Provatela in tutte le stagioni e certamente non riuscirete più a farne a meno.


 

 

 

 

 

 

Lascia un commento