In linea con la dieta Weight Watchers?

di Camilla Salaorni 28

In America è probabilmente la dieta più seguita, sto parlando di WEIGHT WATCHERS, un sistema di calcolo delle calorie famoso in tutto il mondo.
L’origine di questo regime dietetico risale agli anni ’60 quando la signora Jean Nidetch, talmente preoccupata per la sua linea, sentì il bisogno non solo di stare a stecchetto ma persino di un appoggio psicologico delle sue amiche, con le quali si incontrava periodicamente per scambiarsi opinioni, consigli e rimedi per mantenersi in forma.
Certamente stare in compagnia era importante ma lo è altrettanto farsi aiutare da un medico che faccia da Cicerone nel mondo confusionario delle diete; decise così di farsi seguire da una schiera di dottori.
Questi, se da un lato elaborarono per lei una dieta su misura, dall’altro concentrarono la loro attenzione sull’importanza della complicità e del reciproco aiuto tra persone con lo stesso problema: nacquero così le riunioni Weight Watchers.

Ma cosa ha di speciale questa dieta rispetto alle migliaia di cui abbiamo sentito descrivere i poteri strabilianti?
Partiamo col dire che la dieta W.W. corrisponde ad una classica dieta ipocalorica da 1200-1300 cal. al giorno, deve essere seguita per almeno 3 settimane e richiede una precisione meticolosa nelle quantità…diciamo anche eccessivamente meticolosa.
Infatti si può affermare che il punto chiave delle dieta W.W. è, come suggerisce il nome, il peso.

E’ necessario ricordare, però, che questa ossessiva fissazione per l’ago della bilancia sottovaluta molti aspetti di una sana alimentazione, ad esempio vengono messi al bando, senza distinzione, tutti i grassi saturi; piuttosto che consigliare di praticare attività fisica per il consumo delle calorie si insegnano sistemi per assumerne meno e per ultimo, ma forse è l’aspetto più importante, non bada a saziare con gusto ma solo a nutrire con misura. Questi sono alcuni dei fattori “contro” una dieta come questa, anche perchè se non impariamo a conoscere e non a selezionare il cibo ed a mangiare con intelligenza si rischia di privare il nostro organismo di vitamine, proteine e grassi di cui abbiamo bisogno e di passare la vita intera con una bilancia nel taschino.

Se desiderate comunque saperne di più sul sistema Weight Watchers e magari partecipare attivamente ad una riunione, come fece la signora Nidetch più di 30 anni fa, potete chiamare il numero 0848 188 188 (tariffa nazionale) e scoprire quando questa si terrà nella vostra città.

Ginger and Tomato vi consiglia di affidarvi sempre alla supervisione di uno specialista quando decidete di mettervi a dieta, soprattutto se questa prevede l’eliminazione di alcuni alimenti!

Commenti (28)

  1. si continua a parlare di WEIGHT WATCHERS dato che ero un’iscritta nel 2006 a dicembre ci hanno comunicato che avrebbero chiuso tutti i centri d’Italia per cui non esiste più nessun centro in Italia. Avevo iniziato a perdere 12 kg. e sono rimasta a metà si continuo a farla da sola ma non è la stessa cosa infatti prendo kg e perdo kg in continuazione
    Qualcuno sa qualcosa di più?
    grazie baci a tutti

  2. Le ex animatrici Weight Watchers non si sono date per vinte e hanno costituito una nuova società che si chiama Welcome Weight che opera nello stesso modo.
    Per info: http://www.welcomeweight.it@ catia:
    @ catia:

  3. @ catia: la mia unica soluzione è stato iscrivermi ad un sito weight watchers straniero, seguendo il metodo online, molto più preciso ed accurato di quello italiano. Se riesci a trovare qualcuno che ti iscrive, la soluzione è eccellente. L’unico paese in cui non è stato implementato il sistema online è l’italia, sempre indietro rispetto agli altri. Il problema è: la lingua (devi conoscere una lingua straniera).

  4. La forza del metodo Weight Watchers è soprattutto il sostegno del gruppo e dell’animatrice (o animatore).
    Le ex animatrici WW si sono organizzate nella nuova società per evitare la dispersione della professionalità acquisita in tanti anni di lavoro e formazione.
    Pertanto, dato il disinteresse dichiarato da WW International per il mercato italiano, forse è il caso di contattare questa nuova società che si chiama Welcome Weight per avere il supporto del gruppo nella tua città e, soprattutto. in lingua italiana (che non guasta).

    @ sabina:

  5. francamente non ho trovato alcun supporto nel sistema italiano weight watchers dopo essermi iscritta. a Bolzano non esistevano gruppi nè riunioni e soprattutto chi a bimbi piccoli come me purtroppo ha qualche difficoltà a recarsi a riunioni. Nel mondo virtuale di oggi sarebbe stata una cosa intelligente adeguarsi agli altri paesi e dare la libera scelta a ciascun membro di seguire il metodo online (che funziona, lo dimostrano i miei 6 chili in meno in 2 mesi) o di andare alle riunioni, come accade in Germania, francia, Inghilterra, America ecc ecc. Solo da noi il computer non viene preso sul serio come negli altri paesi. Peraltro con quello che ho pagato per aderire a weight watchers italia in cambio ho avuto un buono per uno scrausissimo villaggio vacanze, e un diario di bordo cartaceo dove avrei dovuto inserire io e calcolarmi da sola tutti i punti. Morale, non ho perso un grammo.Ho comunicato ripetutamente il mio sconforto alle signorine del numero verde, ma questo è il sistema adottato in italia. E quindi ribadisco che forse dovrebbero guardarsi intorno ed imparare dai paesi a noi vicini. Non tutte le persone grasse sono incapaci di usare correttamente il pc, e il conforto lo prendo dai blog delle signore che come me seguono il sistema online. Quindi guardarsi intorno e imparare dagli altri con umiltà.

  6. Comunque brave le assistenti di Weight Watchers che han deciso di portare comunque avanti l’iniziativa nonostante il disinteresse della casa madre. E’ importantissimo trovare il giusto sostegno per riuscire nel “difficile” scopo di dimagrire. Non vorrei essere fraintesa. Vorrei solo avere la libera scelta se partecipare a riunioni o fare online..

  7. Certo, dove non esistono riunioni il computer diventa l’unica possibilità oltre alla corrispondenza cartacea… Però volevo farti notare come Weight Watchers International enfatizzi il ruolo delle riunioni (o meetings) sia nei suoi siti internet americani che europei.
    Ritengo che, al di là della possibilità o meno di frequentare, il contatto diretto delle riunioni lo considerino molto importante (almeno per la maggior parte delle persone) altrimenti non lo sottolineerebbero così con forza.

  8. Io posso solo dichiarare che il metodo W.W. per me è stato una grande aiuto.
    Ho iniziato ad Ottobre 2000 e raggiunto il peso forma a Maggio del 2001. Seguendo le riunioni,queste sono un grande aiuto perchè vedendoci e parlandoi di persona con tutto il gruppo ti aiutava a progredire nel programma, inoltre compilare il diario non è poi così complicato.
    E’ una dieta non così precisa perchè non ho mai pesato o misurato nessun cibo, e non ho mai avuto problemi di carenze alimentari.
    In quei mesi ho perso 20 Kg ed ancora ad oggi riesco a mantenere il peso forma considerando che in tutti questi anni non ho più segnato un punto..

  9. scusate ..io sto seguendo la dieta weight watcher da sola..non essendoci più gruppi, ma non ho capito se posso mangiare quando volgio e nella quantità desiderata gli alimenti a 0 punti o c’è un limite…vorrei anche chiedere a chi ha già seguito la dieta che risultati si possono ottenere… io devo perdere 17 kg ..grazie mille barbara vr

  10. io ho seguito la dieta w.w. nel 2005 non sapevo che avessero chiuso battenti.
    comunque so che il cibo a 0 punti lo puoi mangiare quanto e quando vuoi
    sarebbe bello sentirci tutte ogni tanto così magari ci sproniamo a vicenda e ci diamo consigli.
    Io per esempio ho anche un fornito ricettario che avevo acq al centro w.w.

  11. @ barbara:
    io ho seguito la dieta w.w. nel 2005 non sapevo che avessero chiuso battenti.
    comunque so che il cibo a 0 punti lo puoi mangiare quanto e quando vuoi
    sarebbe bello sentirci tutte ogni tanto così magari ci sproniamo a vicenda e ci diamo consigli.
    Io per esempio ho anche un fornito ricettario che avevo acq al centro w.w.

  12. Volevo consigliare a tutti Welcome Weight , nata dalla capacita’ delle ex dipendenti Weight Watchers che dopo la chiusura in Italia della stessa hanno ricominciato una nuova avventura con un programma alimentare fantastico, firmato da un noto gastroenterologo di Bologna Prof. Romano, le riunioni settimanali ed il sostegno del gruppo. Se volete, potete andare a visitare il sito http://www.welcomeweight.it

  13. quaalcuna di voi potrebbe gentilmente passarmi la dieta via mail? grazie 1000!

  14. Io vivo negli USA ed ho cominciato recentemente ad andare alla Wight Watchers con risultati veramente ottimi: ho perso 5kg nel primo mese, devo perderne molti di piu’ ma e’ un buon inizio. Volevo anzitutto commentare l’articolo nel punto in cui dice che Weight Watchers non tiene in considerazione l’attivita’ fisica. Forse questo era vero nel passato ma ora e’ l’esatto opposto. Praticamente puoi ottenere “punti” extra facendo attivita’ fisica ed ogni tipo di attivita’ conta: dal salire le scale di casa al giocare coi bambini al passeggiare col cane. Inoltre devo confermare che le riunioni settimanali aiutano veramente molto: e’ bello sentirsi dire “brava” anche per un piccolo goal raggiunto ed inoltre aiuta avere qualcuno con cui condividere i problemi psicologici che sono quelli che portano la maggioranza delle persone ad acquisire peso, e’ una specie di terapia di gruppo che veramente funziona.
    L’unico mio problema e’ che qui negli USA danno ricette e hanno “voglie” che sono completamente diverse dall’Italia. Io non sogno la notte di mangiare una di quelle torte che sembrano finte con sopra quintali di quello che qui chiamano “frosting” e che e’ una glassa spessissima di zucchero cremoso di cui ricoprono tutte le torte e che invece a me fa tremare i denti per la quantita’ di zucchero. Non mi interessa mangiare pancetta a colazione ne’ voglio mettere mandarini nella mia insalata o altra roba dolce. Possiamo scambiare ricette italiane con qualcuno per aggiornamenti sul sistema americano (che hanno appena modificato questo gennaio 2011 per la verita’)?

  15. @ monica:
    @ monica:
    Anch’io vivo negli Stati Uniti e mi reco ai meeting della Weight Watchers – ed anche a me non mi da’ voglia di mettere mandarini nella mia insalata!! Chi ha ricette italiane?!!!

  16. Ciao Monica@ Jackie:
    Guarda che se, per esempio, fai un’insalata di radicchio rosso, con mandarini e noci, e se puoi permetterti i punti anche del gorgonzola o Danish Blue è buonissima! Se sono permesse io aggiungo anche le noci.

  17. Ero una grande fan di Weight Watchers. Peccato che in Italia, in particolare nella mia regione tutti i meeting abbiano chiuso e credo che non esista più neanche la WW in generale. Ho provato ripetutamente a iscrivermi online al sito inglese ed americano, in realtà mi trovavo meglio con il Diario di Bordo online, ma purtroppo non mi è stato permesso farlo in quanto non residente nel paese. Che stupidaggine, al mondo d’oggi dove si può accedere dappertutto e acquistare tutto su web .

  18. ciao a tutte vorrei sapere se questa dieta è adattabile anche per vegetariani…se qualcuno di voi fosse cosi gentile da mandarmi la dieta o manuale e spiegarmi un po come funziona…ormai le ho provate tutte..tentar non costa niente!!!

  19. Ciao a tutte! ma per chi deve solo perdere qualche chiletto può valere lo stesso la dieta? qualcuna è così gentile da mandarmi qualche esempio di dieta che gli è stata consigliata? grazie tantissimo!

  20. @ sabina:
    Ciao
    io ero iscritta quando vivevo a Londra, purtroppo non sono ancora riuscita a rinnovare il mio abbonamento ora che non ho più un conto inglese. Tu su quale sito sei inscritta? Grazie!

  21. ciao a tutte vedo che non sono la sola a decantare la dieta w.w. mi e’ dispiaciuto molto che qui in italia non ci sia piu’.avevo aquistato una rivista, molti anni fa,dove erano elencati tutti i cibi con relativi punti….e non solo…c’erano anche molte deliziose ricette da eseguire con molta facilita’.era divertente e non sentivo assolutamente il bisogno di trasgredire perche’ c’erano alimenti che potevi permetterti naturalmente restando nel contenuto dei punti giornalieri.purtroppo questa rivista l’ho prestata e non mi e’ stata piu’ resa.pensavo di non aver difficolta’ a ritrovarla su internet ma….leggo di tutto in modo molto vago.chissa’ che qualcuna di voi puo’ farmi avere la lista degli alimenti con relativi punti? intanto ringrazio anticipatamente…ciao a tutte

  22. E’ impressionante come giornalisti, blogger e admin vadano a caccia di notizie senza verificarne i contenuti e la veridicità. Quanto scritto circa la dieta Weight Watchers è stato scritto nuovamente dal sitoDietaland con gli stessi errori di contenuto qui riportati e ai quali mi appello. I fondamenti della dieta mediterranea, l’unico regime corretto in assoluto, sono da sempre applicati nella dieta Weight Watchers che oggi in Italia è Welcome Weight! BIsogna informarsi e verificare di persona, prima di azzardare un qualsiasi giudizio. Vi invito a visitare il nostro sito e le nostre sedi e chiedo alla redazione di Dietaland l’immediata rettifica delle informazioni fornite.
    Rosa Bavetta

  23. Faccio presente a codesta redazione che le notizie riportate circa la dieta Weight Watchers sono scorrette e urgono di immediata rettifica. Sono una ex specialista Weight Watchers e per anni ho insegnato a migliaia di persone ad alimentarsi correttamente seguendo il Programma Alimentare ideato secondo le Linee Guida dell’INRAN e del SINU. Solo nell’ottica di DIETA come STILE DI VITA si può accettare la vostra affermazione che per rimanere magri si debba a stare a dieta per tutta la vita. In effetti, le corrette abitudini alimentari non causano chili in eccesso nè malattie. E’ questo il rpincipio di Weight Watchers, oggi in Italia Welcome Weight.
    Oggi io continuo il mio lavoro come consulente Welcome Weight con gli stessi principi di allora. Considerato che in questa pagina si fa riferimento alla società nel quale opero, ribadisco la necessità di rettificare quanto da voi pubblicato, che contribuisce a dare un’immagine negativa e distorta dei nostri contenuti e potrebbe costituire altresì motivo di controversie legali.
    A disposizione per eventuali chiarimenti,
    Rosa Bavetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>