Kefir di latte, la ricetta casalinga 

di Fabiana Commenta



 

È boom di consumi di kefir, la bevanda a base di latte e fermenti lattici simile allo yogurt e al latticello che sta spopolando anche in Italia. 

Tutto merito dei benefici di questo versatile superfood che può essere tranquillamente consumato nell’arco di tutta la giornata: perfetto per la colazione (anche alla frutta e ai cereali), si rivela un ingredienti versatile molto adatto anche ai primi piatti.

Kefir, la ricetta casalinga 


Ingredienti

Preparazione

Ha un sapore piuttosto delicato, simile allo yogurt e al latticello ed è ricco di sostanze nutritive per la corretta alimentazione. 

È ricco di vitamine B e K, sali minerali (calcio e magnesio) e fermenti probiotici utili per un corretto funzionamento dell’apparato digerente. 

Anche in Italia si trova con molta facilità all’interno dei negozi specializzati in alimenti etnici, ma si può anche preparo in casa con una ricetta veramente semolice. 

Servono semplicemente del latte e dei granuli di kefir che potrete acquistare non solo online, ma anche nelle erboristerie e nelle botteghe di prodotti naturali. 

Vediamo come preparare il kefir in casa. 

Preparate i vasetti di vetro e sterilizzateli: lasciateli bollire in una pentola piena d’acqua bollente e poi lasciateli asciugare su di un canovaccio pulito, meglio ancora se collocato in forno elettrico acceso alla minima potenza.

Sistemate all’interno dei barattoli di vetro i granuli di kefir tenendo conto che per ogni singolo cucchiaio di granuli dovrete utilizzare circa 250 ml di latte. Potrete scegliere se utilizzare il latte vaccino o il latte vegetale in base alle vostre preferenze. Aggiungete il latte ai ganuli di kefir e ricoprite bene l’imboccatura dei vasetti con un canovaccio di tela pulita per lasciar passare l’aria. 

Lasciate riposare tutto per almeno 24 ore in un luogo fresco e asciutto. 

Il tempo di fermentazione del kefir ne determinerà il gusto: se preferite un sapore più acidulo e una consistenza più corposa, dovrete prolungare i tempo di attesa. 

Ecco poi la seconda fase della preparazione: filtrate il composto con l’aiuto di un colino a trama stretta in modo tale da trattenere le parti più solide. Il vostro kefir è pronto per essere utilizzato. 

Ricordate che i granuli che resteranno sul colino serviranno per fare altre volte il kefir per cui se volete potrete anche conservarli nei vasetti di vetro per preparare altro kefir. 

KEFIR DI LATTE, È BOOM IN ITALIA

 

PHOTO CREDITS | INSTAGRAM