Come gestire una pizzeria gluten free?

di Redazione 0

Ti piacerebbe aprire una pizzeria gluten free? Si tratta sicuramente di un’ottima idea, perché al giorno d’oggi sono sempre di più le persone che scoprono di essere celiache ma anche coloro che preferiscono mangiare alimenti senza glutine per via della loro maggiore digeribilità. Per aprire una pizzeria gluten free non occorrono speciali autorizzazioni, se non quelle classiche previste per qualsiasi attività di somministrazione di alimenti. È tuttavia importante essere in grado di garantire la massima serietà ai propri clienti, perché la celiachia è una malattia vera e propria e se si propongono delle pizze prive di glutine è fondamentale assicurarne l’effettiva sicurezza.

come gestire pizzeria gluten free

Ecco allora quali accorgimenti adottare per aprire una pizzeria gluten free in piena regola, senza correre il rischio di andare incontro a ripercussioni e problematiche varie.

Seguire un corso specifico

La prima cosa di cui ti devi preoccupare se intendi aprire una pizzeria gluten free è quella di apprendere tutto quello che c’è da sapere sugli alimenti senza glutine e sulla loro preparazione. Non è sufficiente infatti scegliere una farina che sia priva di questo ingrediente ed iniziare ad impastare: per realizzare delle pizze gluten free è fondamentale seguire un corso specifico in modo da imparare le varie tecniche da adottare per trattare al meglio farina ed impasto. Puoi trovare diversi corsi di panificazione online che sicuramente ti torneranno utili e anzi, sono indispensabili se hai il sogno di aprire una pizzeria gluten free.

Postazioni separate e doppio forno

È importante ricordare che quando si preparano delle pizze senza glutine il rischio di contaminazione è molto elevato e basta pochissimo per provocare reazioni anche gravi nei clienti celiaci. Per questo motivo, devi predisporre nella tua pizzeria due postazioni separate: una per la preparazione delle pizze tradizionali e l’altra per le pizze senza glutine. In questo modo sarai certo di non andare a contaminare nulla e di offrire ai clienti un prodotto effettivamente privo di qualsiasi traccia di glutine.

Lo stesso discorso vale anche per il forno, perché la contaminazione può avvenire anche durante la cottura. Certo, potresti sempre pulirlo ogni volta che prepari una pizza senza glutine ma sarebbe un lavoraccio ed un’inutile perdita di tempo. Meglio dunque avere due forni a disposizione.

Piatti contrassegnati per le pizze senza glutine

Infine, un altro stratagemma utile per evitare di commettere errori e di somministrare senza volerlo una pizza normale ad un cliente celiaco è quello di utilizzare piatti differenti. Così facendo non corri il pericolo di confonderti e anche il personale può andare sul sicuro. Ricorda infatti che ingerire dei cibi contenenti glutine può essere davvero molto pericoloso per un celiaco e la responsabilità in caso di conseguenze gravi sarebbe tua.

Autorizzazioni necessarie per aprire una pizzeria gluten free

Per aprire una pizzeria gluten free non occorrono delle autorizzazioni speciali, se non quelle previste per qualsiasi attività di somministrazione di alimenti (HACCP ecc.). Puoi dunque stare tranquillo da questo punto di vista: l’importante è che presti attenzione ai dettagli che abbiamo appena visto, in modo da garantire la massima serietà e sicurezza ai tuoi clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>