Quinoa in cucina: perché dovresti usarla?

di Redazione 0

 Chi non ha mai sentito parlare della quinoa? Dai, la conosciamo tutti! E scommetto che sai anche almeno la maggior parte degli impatti positivi sulla nostra salute. Non è così? Ma non sai proprio tutto e ti piacerebbe sapere perché questo super-cibo è così importante per noi.

Esatto, la quinoa è un alimento davvero affascinante e vale la pena conoscerlo in modo più approfondito per carpire le sue più disparate caratteristiche e che cosa può fornirci per migliorare la vita di tutti i giorni a tavola. Parliamo di un alimento già molto conosciuto in passato nel settore nutrizionale, ma solo negli ultimi anni la sua popolarità è cresciuta in maniera esponenziale.

Sul web l’argomento impazza e sono moltissimi gli articoli che ne descrivono i vantaggi e suggeriscono ricette e modi diversi per cucinarla. Oggi vorrei andare oltre e farti scoprire i benefici della quinoa che molto probabilmente ancora non conosci. Eccoli svelati!

Quinoa benefici: 5 proprietà poco conosciute

  1. Supporta una dieta priva di glutine

Che si tratti di motivi di salute o di scelte alimentari, sai purtroppo che sul mercato ci sono ancora troppo poche alternative prive di glutine in commercio. La quinoa è un ingrediente naturale ma non è un grano. È un seme e non contiene glutine. Ecco che, quindi, potrai sentirti libera di sfruttare la quinoa in una grande varietà di ricette, senza preoccuparti di disturbare il tuo corpo.

  1. Basso indice glicemico

Sulla scala dell’indice glicemico, gli alimenti sotto il livello 55 sono considerati un supporto nello stabilizzare la glicemia. La quinoa è al livello 53, questo la rende un ottimo ingrediente per la prevenzione del diabete e può essere combinata alla perfezione con altri alimenti a basso tasso glicemico. In questo modo non sforerai i tuoi livelli di glucosio nel sangue.

  1. Evita di prendere chili di troppo

La fibra contenuta nella quinoa aiuta il corpo a sbarazzarsi dei grassi non necessari ma anche a mangiare di meno, aumentando la sensazione di sazietà più a lungo. Ciò aiuterà anche il tuo sistema digestivo. Quindi, se hai un problema con l’eccesso di cibo o una digestione lenta, devi sapere che la quinoa può aiutarti su entrambi i fronti. Non appena aggiungerai la quinoa alla tua alimentazione di tutti i giorni, ti sentirai meglio sin da subito: più leggera e più regolare.

  1. Aiuta a ridurre il colesterolo

Ancora una volta è la fibra a portare i suoi vantaggi, questa volta contribuendo ad abbassare il colesterolo. Molte persone ricorrono spesso ai farmaci, ma con una buona dieta e la guida del tuo medico di fiducia, potrai ridurre le dosi del farmaco o addirittura farne a meno. La quinoa può essere cucinata e gestita in un’infinità di modi, quindi non è necessario rinunciare ai tuoi piatti preferiti ma modificarli portando a tavola un po’ più di colore e benessere. E poi… la sua grande versatilità ti permette di usare la fantasia e creare nuovi piatti sempre diversi, sperimentando interessanti combinazioni che si trasformeranno in deliziose leccornie.

  1. Aiuta ad abbassare la pressione sanguigna

È sempre lei, la fibra presente nella quinoa. In questo caso ha un effetto diretto sulla pressione sanguigna. Lo fa in maniera stuzzicante, attirando a sé anche i palati più esigenti. Infatti, ciò che impedisce alla maggior parte delle persone di ottenere la quantità di fibra necessaria ogni giorno è il fatto che molte delle fonti non sono considerate molto appetitose e gradevoli alla vista. La quinoa, al contrario,ha un sapore molto delicato e può essere mescolata con qualsiasi cibo che ti piace. Il suo sapore non intralcerà quello degli altri ingredienti, ma si combina bene in un tripudio di profumi e sapori. Ed ecco che hai trovato il modo più semplice e appetitoso di mantenere i livelli di pressione sanguigna sotto controllo senza alcuno sforzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>