Secondi piatti vegetariani per le feste, ecco alcuni consigli

di Daniele Pace 0

Avete sempre sognato di portare in tavola dei secondi piatti vegetariani per le festività natalizie? Allora dovete perseguire nei vostri intenti, dal momento che ci sono numerose soluzioni per offrire ai vostri commensali un gran numero di soluzioni gustose, ma al tempo stesso in cui non è presente la carne. Insomma, se l’obiettivo è quello di proporre dei piatti buoni, ma accontentare un po’ tutti, ci sono varie soluzioni su cui puntare.

Secondi piatti vegetariani per le feste: alla scoperta del budino di zucca e non solo

Uno dei secondi piatti vegetariani per le feste più diffuso è sicuramente il budino di zucca. Si tratta di una proposta che fa certamente dell’originalità la sua caratteristica principale. Non si tratta di un piatto tipico natalizio che si trova molto facilmente sulle tavole degli italiani, ma è la scelta perfetta nel caso in cui vogliate lasciare a bocca aperta chi è seduto al vostro tavolo. Il budino di zucca corrisponde, in pratica, ad una vera e propria purea di zucca e porri, che viene mescolata con della besciamella, uova e tanti altri ingredienti particolarmente saporiti. La cottura avviene a bagnomaria e, dal punto di vista estetico, il risultato finale è di tutto rispetto, molto cremoso e anche decisamente gustoso.

Un’altra ottima soluzione per dei secondi piatti vegetariani per le feste è senz’altro rappresentata dalle polpette a base di quinoa e zucca. Anche in questo caso l’ingrediente principe è la zucca che, in fin dei conti, con questa ricetta non fa altro che mettere in evidenza per l’ennesima volta la sua notevole versatilità. Si tratta di un piatto soprattutto ai più piccoli. In questo tipo di polpette con la quinoa, c’è da notare come il cuore sia formato da formaggio cremoso e filante, mentre la panatura serve a renderle decisamente croccanti.

Un’altra ottima ricetta da sfruttare per queste feste è il crumble di patate. Quest’ultimo non è altro che un secondo piatto particolarmente sostanzioso. Uno dei suoi vantaggi risiede senz’altro nella grande facilità di preparazione. Lo strato primario di questo crumble è formato da delle patate cotte, che sono state poi ridotte nella consistenza di una purea, aromatizzate, mentre invece il crumble è piuttosto sapido e dorato.

E il polpettone di verdure alla genovese? Come non proporlo ai propri commensali durante queste feste? Anche in questo caso si tratta di un’altra ricetta particolarmente sostanziosa, che prevede la presenza di patate, cipolle e fagiolini. Certo, si tratta pur sempre di un piatto rustico, ma in ogni caso molto apprezzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>