Sale, i consigli per ridurre i consumi

di Fabiana 0

Lo chiamano il killer bianco e in effetti il sale, se assunto in quantità eccessive, è veramente pericoloso. In occasione della Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale, in programma fino al prossimo 18 marzo, arrivano da parte degli esperti le dritte per poter migliorare la propria alimentazione.

Gli italiani, dati alla mano, consumano fin troppo troppo sale: un errore in cui cade il 90% degli adulti, ben l’85% degli ipertesi e il 91% dei bambini di età compresa fra i 6 e 18 anni. Tutti rei di consumare una quantità maggiore di sale 5 grammi giornalieri raccomandati dall’Organizzazione mondiale della salute (Oms). L’eccesso di consumo di sale, causa un immediato aumento di pressione nel sangue, di patologie cardio-cerebrovascolari (inclusi  infarto e ictus), tumori dell’apparato digerente, osteoporosi e anche malattie renali.

Obiettivo della settimana mondiale promossa dal World Action on Salt & Health (Wash), è anche quello di incoraggiare le multinazionali alimentari a ridurre il sale all’interno dei loro prodotti per sensibilizzare i governi sulla necessità di adottare una strategia che possa aiutare a ridurre il consumo effettivo di sale nella popolazione. Un introito eccessivo di sale causa infatti un aumento della pressione del sangue, di patologie cardio-cerebrovascolari come infarto e ictus, dei tumori dell’apparato digerente, dell’osteoporosi e delle malattie renali.

Ma quali sono le azioni concrete per poter ridurre il sale nell’alimentazione quotidiana? Per riuscire a ridurre efficacemente il consumo di sale fino al valore massimo consigliato dall’Oms di 5 grammi al giorno, la campagna propone 5 passi molto semplici.

Scolate e sciacquate le verdure e i fagioli in scatola cercando però di mangiare più frutta e verdure fresche.

Provate gradualmente a ridurre l’aggiunta di sale ai piatti per abituare il palato al nuovo gusto.

Cercate di sostituire il sale con altre erbe, spezie, aglio e limone cercando proprio di cambiare la sua abitudine di aggiungere sale a ogni piatto.

Controllate con attenzione le etichette dei prodotti alimentari prima di acquistarli, in modo tale da scegliere i prodotti a minor contenuto di sale.

 

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>