Pastiera napoletana, la ricetta più cercata su Google

di Fabiana 0

La pastiera napoletana vince ancora e si conferma come la parola chiave più cliccata nelle ricerche degli italiani su Internet. 

È quanto emerge dal rapporto “Un anno di ricerche su Google 2018”che ha stilato una top ten relativa ai piatti della tradizione più ricercati in Italia: dopo la pastiera napoletana, un vero must della cucina del Belpaese, al secondo posto si piazza un altro dolce amatissimo, il tiramisù, vero e proprio evergreen dolciario. Terzo posto per la carbonara, piatto cult della Capitale e della cucina laziale. 

Che gli italiani abbiano una passiona smodata per le ricetta della tradizione sembra certo anche se ultimamente sembrano essere, e non poco, tentati dalla sperimentazione di altre cucine. 

Ma la cucina italiana è sempre nel cuore di tutti come dimostrano le ricerche online che premiano in particolare i prodotti tipico e il piacere di stare a tavola. 

Se la pastiera resta il piatto più cliccato dagli italiani (ricercatissimo a Natale e a Pasqua), il tiramisù si piazza al secondo posto e al terzo spunta la carbonara, al quarto posto ecco piazzarsi la colomba pasquale diffusa in tutta Italia. 

Quinta ricetta più cliccata nell’arco dell’anno è il casatiello, altra specialità salata tutta napoletana arricchita dalla presenza di salumi e formaggio.  

Resiste nella graduatoria anche un tocco di esotico con la sesta posizione che vede la conferma del cous cous, settimo posto per le frittelle di carnevale, ancora dolci, ottavo posto con la sangria, altro evergreen internazionale, e al nono con sex on the beach, cocktail alcolico internazionale riconosciuto ufficialmente dalla International Bartenders Association a base di vodka, ultimo posto, il decimo, per i passatelli.

 

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>