Dieta mediterranea, la preferita degli italiani

di Fabiana 0

Si fa presto a dire dieta: è anche necessario sapere scegliere gli alimenti giusti in grado di poter conciliare benessere e nutrimento. E dopo cinque anni di segno negativo, la dieta mediterranea torna ad essere la dieta prediletta dagli italiani. 

Lo studio condotto dalla Coldiretti sulla base dei dati Ismea registra un aumento del 3,2% di consumi di beni alimentari. 

In particolare si registra l’aumento di consumi di pesce fresco (+7%), frutta di stagione (+4,3%), frutta secca (+7,9%), pasta di semola integrale (+16%) o riso integrale (+20%) rispetto all’anno precedente.

Un’inversione di tendenza da parte degli italiani che comincia a registrarsi già da qualche tempo a questa parte e che adesso sembra concretizzarsi ulteriormente.

D’altra parte i vantaggi della dieta mediterranea si uniscono anche alla ricerca della praticità da parte degli italiani che continuano a scegliere prodotti legati alla dieta mediterranea. Non solo: all’equilibrio nutrizionale garantito dalla dieta mediterranea si unisce anche la ricerca della praticità.

Lo studio conferma che aumenta la spesa degli italiani relativamente alle zuppe pronte (con un incremento del +33%), ma anche per le insalate in busta con gli ortaggi di IV gamma (con un +4,3%).

In crescita il consumo dell’olio extravergine di oliva con un +11% rispetto al 2016 mentre  mentre si registra un calo relativamente alla passata di pomodoro (-0,5%) e della pasta secca di semola che registra un calo del 3%. La Coldiretti però si dice positiva sui risultati attesi visto che con l’entrata in vigore dell’obbligo di indicare in etichetta l’origine degli ingredienti utilizzati potrebbe incentivare nuovamente gli italiani all’acquisto della pasta secca di semola.

CLASSIFICA MIGLIORI DIETE, VINCE LA DIETA MEDITERRANEA

DIETA MEDITERRANEA, ARRIVANO LE LINEE GUIDA DELLA VERSIONE VEGANA

 

PHOTO CREDITS | THINISTOCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>