Coldiretti, danni alle coltivazioni per il maltempo

di Fabiana 0

Ad agosto è piovuto per 20 giorni su 24 e le conseguenze sono state funeste per l’agricoltura: fra grandine inaspettata, temporali, bombe d’acqua e nubifragi, il maltempo ha danneggiato le coltivazioni di tante regioni regioni italiane causando danni per milioni di euro in tutta la penisola. 

Questo è quanto emerge da un primo controllo del monitoraggio della Coldiretti che si accinge a chiedere nelle aree colpite le verifiche necessarie per avviare la richiesta per la dichiarazione dello stato di calamità. Sardegna, Puglia, Lazio sono le regioni maggiormente colpite dal maltempo dimostrando che i danni sono stati maggiori nelle regioni del Centro Sud.

In Sardegna si registrano soprattutto perdite ingenti di frutta e pomodoro con le zone di Spinazzola e Minervino Murge che ha visto danneggiati frutteti, vigneti, coltivazioni di pomodoro da industria e oliveti. Danni ingenti per le pregiate uve Primitivo in provincia di Taranto, in Puglia dove la violenza dell’acqua ha danneggiato il 60% della produzione. 

Gravi perdite anche nel Lazio dove sono state registrati gravi i danni per le aziende, fra raccolti decimati, coltivazioni distrutte, recinzioni e alberi abbattuti dal vento: tra le zone danneggiate soprattutto quelle di Tarquinia, l’area compresa tra Velletri e Cisterna di Latina, nella zona del Frusinate, tra Pontecorvo e Aquino. 

Si spera che nei prossimi giorni torni il sole e il beltempo, ma i coltivatori temono soprattutto la grandine che rischia di distruggere gli interi raccolti e al momento si ci concentra sulla fine della raccolta delle frutta estiva, sulla raccolta delle mele e si comincia la vendemmia delle uve precoci. 

photo credits | think stock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>