Cibo, lo sogna almeno un italiano su cinque

di Fabiana 0

Sembra veramente passione degli italiani per il cibo: gli italiani non sono pensano al cibo ogni giorno, ne parlano anche in diversi momenti della giornata e addirittura lo sognano. 

È quanto ha dimostrato una recente ricerca  condotta da Doxa per Deliveroo su un campione nazionale di 1.000 persone e che ha reso noto come almeno un italiano su cinque arrivi addirittura a sognare il cibo. 

La ricerca ha dimostrato che pizza e pasta restano gli alimenti più sognati dagli uomini al contrario dei dolci che invece sembrano essere l’alimento preferito dalle donne. 

Insomma, una persona su due sogna il cibo con una certa regolarità e uno su cinque sostiene di sognarlo sempre. 

Secondo i ricercatori si tratta di un segnale positivo: chi sogna il cibo generalmente presenta stati d’animo soprattutto positivi come allegria, desiderio e passione. Insomma sognare cibo fa bene come conferma il 96% degli intervistati: la ricerca conferma che sognano soprattutto le donne (62%), i più giovani (65% tra i 18 e i 24 anni) e i millennials (64% tra i 54 e i 34 anni). 

E fra chi sogna, addirittura il 42%, sostiene di sognare cibo con molta frequenza, una percentuale che sale fino al 90% se si aggiungono anche coloro che sognano il cibo anche solo di tanto in tanto. 

Un intervistato su 5 ammette di fare sempre sogni che hanno a che fare con il cibo: sognano il cibo soprattutto i più giovani (41% tra i 18 e i 24 anni), gli abitanti del sud e delle isole (36%).

Pizza e pasta sono gli alimenti più desiderati (43%), seguiti dai dolci (41%), dalla carne (22%), dal pesce (16%), dai cibi esotici (16%). 

Sognare cibo la notte equivale per il 60% a uno stato d’animo di allegria, soprattutto per i più giovani (70%), di desiderio con il 50%, , di passione per il 39% delle preferenze. 

 

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>