Ricordi gastronomici, i migliori dalla Spagna e i peggiori dall’Inghilterra

di Fabiana 0



Si sa, la cucina è italiana è la cucina italiana, ma spesso e volentieri, sopratutto in vacanza, è impossibile non assaggiare le specialità di qualche altra nazione… qualche volta con risultati non troppo lusinghieri.

In Spagna si mangia bene molto bene: è dalla penisola iberica che arrivano i migliori ricordi gastronomici una volta terminata la vacanza, al contrario dell’Inghilterra che in quanto a gastronomia viene bocciata senza possibilità di recuperare. Lo conferma una recente indagine condotta da Deliveroo/Doxa in merito alle mete turistiche più gettonate all’estero e alle loro cucine. 

Ricordi gastronomici, i migliori dalla Spagna e i peggiori dall’Inghilterra


Ingredienti

Preparazione

La gastronomia spagnola piace a tutti e conquista una preferenza su due (circa il 43%), davanti alla cucina greca (ferma al 23%) e alla sostanziosa cucina francese (21%).

Dietro, si piazzano la Croazia (9%), gli Stati Uniti, i Paesi del Sud America e  il Portogallo con l’8%.

Pollo al curry e crêpes sono fra i piatti più amati da replicare mentre tra le specialità più ambite ci sono la paella, le tapas, le bonuelos con jamon serrano e mandorle, i calamari e il baccalà.

Crêpes e croques, due piatti specialità della cucina francese sono apprezzati soprattutto dagli adulti conquistando il 56% degli over 55.

La cucina greca piace un po’ a tutti con il 18% delle preferenze per gli under 25 e il 25% per i millennials: piacciono a salsa tzatziki, gyros, dolmadakia e souvlaki di pollo.

La peggiore cucina in circolazione sembra essere quella del Regno Unito: meno di un interpellato su 10 vorrebbe riassaporare anche a distanza di tempo qualche specialità tipiche dell’isola.

Pollo al curry, crêpes, cous cous e insalata greca sono fra i piatti più imitati, seguiti dal sushi, i noodles, i dim sum e i cheeseburger per i giovanissimi.

Cous cous, sushi, insalata greca e kebab potrebbero invece eventualmente rimpiazzare la nostra pasta o la nostra pizza.

photo credits | thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>