La pentola a pressione e la sposina anni ’60 (con risotto ai funghi veloce)

di Mariella Sasso 3

C’era una volta, tanto tempo fa…. Cominciavano così le favole? Ma qui non parliamo di incantesimi e fate più o meno buone, qui parliamo, ahimè della pura sopravvivenza! Ebbene sì. A che sarà servito tutto quello studio? Si chiedeva la sposina anni ’60, sommersa dai piatti sporchi e dalle domestiche incombenze. Mistero.

Come venire a capo di tanto sudiciume? Che poi domani sarà lo stesso, se non peggio, visto che aveva una velocità di riproduzione (il sudiciume, si intende) molto vicino a quella della luce. Oggi più di ieri e meno di domani. Ma non era una frase d’amore? E invece eccola lì, alle prese con detersivi spugnette e via dicendo, altro che amore e poesia del matrimonio.

E poi LUI, lo sposino, anche lui anni ’60, doveva mangiare. La sua mamma lo aveva abituato così. Tolleranza va bene, ma a un certo punto lo stomaco reclamava i suoi diritti. E allora? Un matrimonio d’amore rischiava di naufragare subito subito sommerso dalla meno romantica delle routine. Che tristezza.

Finchè un giorno…un regalo. Che avrebbe cambiato la sua vita. LA PENTOLA A PRESSIONE!

In quei tempi lontani era una vera primizia. E quella, poi. L’aspetto era più o meno quello consueto di una pentola come le altre. Il segreto era NEL COPERCHIO. Spesso e pesante, con uno strano ‘volante ‘ al centro. Volante che andava girato, con una certa forza, fino a raggiungere una chiusura perfetta. E poi c’era la valvola, se no di che pressione potevamo parlare? Una volta in funzione sussultava e fischiettava. L’effetto era inquietante. C’era chi preferiva scappare via dalla cucina, temendo esplosioni e macerie. Ma la nostra sposina, impavida, armeggiava con quella specie di disco volante con una certa disinvoltura. Armata di coraggio e di un manuale d’uso partì alla scoperta del NUOVO MODO DI CUCINARE promesso. In verità per lei più che nuovo era il primo!

Nella foto di copertina del manuale una giovane signora, capelli cotonatissimi e foulard, stile Grace Kelly in Caccia al ladro, sorrideva invitante. Le ricette erano di cucina francese, molto raffinate, ma l’esecuzione non era poi così difficile. Bastava un po’ d’attenzione. Anzi, moooolta attenzione. Beh, non era neanche così semplice… Ma vennero minestre, spezzatini, arrosti e molto altro ancora. Si specializzò in risotti, nel corso degli anni. Diciamo pure dei decenni.

Per esempio questo:

RISOTTO CON FUNGHI
  • Funghi secchi
  • Riso 2 o 3 hg secondo il numero dei commensali
  • Un dado da brodo
  • Burro
  • Odori (cipolla, carota, sedano)

Far rinvenire i funghi in acqua calda e strizzarli, farli rosolare con gli odori tritati aggiungendo un po’ d’acqua.
Unire il riso e farlo rosolare, coprirlo con il brodo ottenuto con il dado, chiudere il coperchio. Far cuocere per 7 minuti dall’entrata in funzione della valvola, a fuoco moderato.

Sollevare la valvola e, una volta uscito TUTTO il vapore, aprire la pentola. Aggiungere un pezzetto di burro e coprire per un minuto circa. Facile no?

Lo sposino placato lo stomaco riconsiderava il tutto. E la cucina della mamma? Beh, quella fino a domenica poteva aspettare!

Commenti (3)

  1. Ciao !
    Sto cercando il video di quella pubblicità invano da giorni, sapete dirmi la marca della pentola a pressione in questione? o il link del video, qualsiasi cosa per risalire…
    Grazie mille !!

  2. Posso dirti solo che le marche più famose allora e forse le uniche che producevano le slendide,immaginigiche, meravigliosissime pentole a pressione (ne ho 4 di tutte le misure!) erano Lagostina ed Aeternum ma dubito che esistano video di quegli anni. Saluti stefania C

  3. me piacereva comprare ma io habito en argentina. la mia cucina anderai in itacia in poco gioni piu. me manda informazione , costo e dove po comprare.,tante grazie, monica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>