E finalmente é l’ora del te

di liulai 9

Ha proprietà antiossidanti, regolarizza il metabolismo e stimola il sistema nervoso. Ecco i mille pregi di una bevanda antica oggi da riscoprire. Il tè è una bevanda antichissima: già 5.000 anni fa i cinesi ne usavano le foglie per aromatizzare il riso bollito. Oggi, nel mondo se ne producono 30 milioni di quintali all’anno, soprattutto in India, Cina e Sri Lanka. I principali consumatori sono gli orientali, che gli dedicano anche veri e propri riti.
I giapponesi, per esempio, lo servono agli ospiti durante la Cha no yu (letteralmente, «acqua calda per il tè»): una cerimonia dal profondo significato spirituale che trae origine dalla filosofia zen, secondo la quale qualsiasi attività quotidiana richiede concentrazione e devozione. Il rituale si svolge in un apposito padiglione, in silenzio e con movenze lente e studiate.
E che dire del rito del tè per gli inglesi, una pausa sacra a metà pomeriggio, scandita dagli immancabili pasticcini (i più celebri sono gli scones, panini dolci accompagnati da marmellata e panna)? E allora, perché non riscopri anche tu il «tea time», il piacere di concederti un momento di pausa sorseggiando una tazza di tè? Le foglie del tè sono un concentrato di virtù salutari. Il tè contiene catechine, polifenoli dalle spiccate proprietà antiossidanti in grado di contrastare la formazione dei radicali liberi, i principali nemici delle cellule», spiega la dottoressa Evelina Flachi, nutrizionista e specialista di scienza dell’alimentazione a Milano e Roma.

«E non è tutto: è dimostrato che i principi attivi contenuti nel tè stimolano e regolarizzano i processi metabolici». Al momento dell’ acquisto, poi, hai solo l’imbarazzo della scelta: in commercio trovi migliaia di tipi di tè: dal tè bianco, all’Oolong (dalle foglie di color verde-rossastro), fino al tè nero. il miglior amico del benessere, però, è il tè verde: contiene ben sei tipi di catechine, tra cui l’ EGCG (gallato di epigallo-catechina), le cui virtù antitumorali sono state confermate da medici e scienziati.
«Il tè è indicato anche per darci la carica: contiene infatti teina, una sostanza che, se non assunta in eccesso, ci aiuta a stimolare il sistema nervoso», prosegue la dottoressa Flachi. «Due o tre tazze rappresentano la quantità giornaliera ideale per sfruttarne tutti i benefici». Vuoi gustarti un tè a regola d’arte?
Preparalo seguendo i suggerimenti dei cultori della bevanda: fai bollire dell’acqua minerale naturale, prima di travasarla nella teiera attendi qualche minuto, in modo che raggiunga la temperatura ideale di 70-80 gradi. Per evitare che una volta travasata si raffreddi troppo velocemente, è importante che anche la teiera venga preriscaldata con acqua calda. Il tempo d’infusione del tè, poi, varia a seconda della qualità: per quello nero occorrono circa 3 minuti, per quello verde fino a 4.

Commenti (9)

  1. L’immagine che propone Liulai è quella del ROOIBOS tea, una variante Sudafricana interessantissima. Fatta con una bacca/radice è legnosa, ma molto amata…

    Tè Darjeeling e Scones, la mia merenda preferita.

  2. Tra un pò pubblicherò anche la ricetta degli scones con marmellata e panna, una delizia con il tè nero indiano proposto da te

  3. Scones, i miei biscotti preferiti! Assolutamente da gustare caldi con marmellata di fragole e panna acida. I migliori, quelli del Cape Grace hotel a Città del Capo in Sudafrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>