Calamari, come pulirli velocemente

 

Gamberi e calamari sono fra ingredienti classici della cucina italiana, ingredienti principali di molti piatti tipici: sono perfetti ad esempio per la preparazione dei calamari ripieni o dei calamari in umido, ma anche per una semplice, semplicissima insalata. 

CALAMARI

E se la maggior parte delle volte vengono venduti già puliti e pronti all’uso, potrebbe essere necessario in qualche altra occasione acquistarli in pescheria e poi doverli successivamente pulire. 

Non è difficile, ma dovrete avere un po’ di dimestichezza per un’operazione del genere. 

Come pulire i calamari 

Innanzitutto dovrete separare i tentacoli dal resto del corpo tagliandoli e facendo attenzione a non esercitare eccessiva pressione sugli occhi.

In questo modo infatti andrebbe a fuoriuscire tutto l’inchiostro che finirebbe per macchiarvi. Ora estraete la penna cartilaginosa e trasparente che si può sentire al tatto con le dita. Eliminate rimuovendo tutte le interiora dal corpo effettuando una leggera pressione sulla sacca, sciacquate il calamaro con molta attenzione e passatelo sotto un getto d’acqua corrente. 

Togliete anche la parte esterna composta dalla membrana violacea, togliete anche il becco facendo pressione al centro dei tentacoli e gettatelo via. Effettuate questo lavoro sotto l’acqua corrente  per evitare eventuali schizzi d’inchiostro e poi tagliate via gli occhi. 

Sciacquate di nuovo i calamari fino a quando l’acqua non sarà tornata del tutto limpida e utilizzateli per la ricetta. 

Ricordate che potrete utilizzate ogni parte del calamaro: la sacca pulita può essere utilizzata intera per essere riempita, oppure può essere tagliata ad anelli. I tentacoli potranno essere utilizzati per poter guarnire i piatti oppure per essere fritti. Col nero del calamari potrete condire il risotto. 

 

photo credits | thinsktock

Lascia un commento