Pecorino Day a sostegno dei pastori, il 18 febbraio

di Fabiana Commenta

Al vla la prima edizione del Pecorino Day: il 17 febbraio è la giornata interamente dedicata al pecorino e agli altri prodotti ottenuti dal latte di pecora. Un appuntamento speciale che si svolge nei mercati degli agricoltori e degli allevatori di Campagna Amica in tutta Italia, a sostegno dei pastori e del loro lavoro. 

Una giornata per sostenere concretamente il lavoro e la battaglia dei pastori in tante parti d’Italia: a Roma appuntamento con la Campagna Amica a  al Circo Massimo in Via San Teodoro 74 dalle 9,30, a Vicenza appuntamento in via Cordenons, a Torino appuntamento in piazza Solferino, a Napoli a viale del Poggio e ai Colli Aminei  a Lecce in piazza Ariosto ma anche a Trapani in Via Virgilio e a Catania in piazza Giovanni Verga.  Per consultare nel dettaglio l’elenco completo delle iniziative è sufficiente visitare il sito www.campagnamica.it.

Nel corso della giornata ci saranno tante iniziative ad hoc, degustazioni guidate, ma anche presentazione dei prodotti salvati dall’estinzione, preparazione di ricette “in diretta” proposte dagli agrichef, i cuochi contadini.

Partecipare al primo Pecorino Day significa partecipare concretamente al salvataggio di 6,2 milioni di pecore e di un settore di eccellenza del Made in Italy agroalimentare come ricorda Coldiretti. 

La pastorizia non solo garantisce un importante socio-economico e ambientale dei nostri territori, ma rappresenta anche un patrimonio importante di biodiversità tutto da salvaguardare. 

Il sostegno del lavoro dei pastori è indispensabile come sottolinea la Coldiretti ricordando anche che dal latte di pecora si ottengono in Italia oltre 60 milioni di chili di formaggi pecorini dei quali oltre la metà a denominazione di origine (Dop),  tra cui il Pecorino Romano Dop, il pecorino Sardo, il Siciliano, il Crotonese il Toscano, quello di Filiano, di Picinisco, delle Balze volterrane oltre al Fiore Sardo, al Canestrato Pugliese, al Canestrato di Moliterno alla Vastedda della Valle del Belice, al Murazzano e alla Robiola di Roccaverano che usa anche caprino. 

 

photo credits | instagram