Peck – Milano: dal cestino storico all’ Italian Bar

di Chiara Benassi 0

Come ogni storia che si rispetti, bisogna andare indietro nel tempo, precisamente nel lontano 1883, quando Francesco Peck, salumiere di Praga, arriva a Milano e apre un laboratorio/salumeria destinato a diventare un nome importante nella gastronomia mondiale.

Nel corso degli anni l’azienda è passata tra diverse generazioni e famiglie, fino a giungere, alla metà degli anni cinquanta, nelle mani di quattro fratelli, Angelo, Mario, Remo e Lino Stoppani, che arrivarono a Milano come semplici garzoni e, grazie all’aiuto di Giovanni Grazioli (precedente proprietario di Peck) diventano i successori di questa attività.



Oggi Peck vanta un negozio di 3.300 metri quadrati, il Mai Stoore nella storica sede di Via Spadari: articolato su tre piani e concepito come un “tempio del gusto”, possiede una cantina con 5.000 etichette provenienti da tutto il mondo; nel pianoterra è possibile rifarsi gli occhi (e il palato!) tra una vastissima scelta di prodotti e generi alimentari, selezionati direttamente dalla famiglia Stoppani e, all’ultimo piano, un romantico lucernario crea l’atmosfera giusta per degustare tè e confetture, assaporando la prima forma di “ospitalità Peck”.

Concepito di recente invece è l’ Italian Bar, che attraverso la gestione di Stefano Gariboldi, si ripropone di “accompagnare” una giovane clientela fin dal mattino, con la possibilità di gustare una buona colazione, fino alla cena, prima di buttarsi nelle frenetiche notti milanesi.

Amore e divertimento sono dunque i concetti attorno ai quali Peck si evolve, con uno sguardo che arriva dall’altra parte del mondo, in Giappone, dove gli store Takashimaya hanno dato vita a 15 punti vendita Peck.
Per avere un’idea di quello che Peck offre è possibile, da ormai 8 anni, visitare l’ on-line store, dove, oltre ai prodotti davvero speciali, si trovano consigli, approfondimenti e servizi utili come il “certificato regalo” o i cestini natalizi, che possiamo spedire correlati da messaggi d’auguri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>