Stevia rebaudiana in cucina, tutte le proprietà benefiche

di Ishtar 0

Una volta dopo avere acquisito familiarità con la stevia è diventata per me insostituibile in cucina. Era da tempo che la corteggiavo, un po’ titubante per via delle notizie constrastanti a proposito, ma una volta entrata in commercio mi sono buttata. La stevia, per chi non la conoscesse ancora non è altro che una pianta proveniente dall’America del Sud nota da secoli tra i popoli di questa terra sia per il suo elevato potere dolcificante che per le sue proprietà benefiche. Insomma, chi sia alla ricerca di un prodotto totalmente naturale, dal basso contenuto calorico, senza grassi e senza maltodestrine l’ha trovato.

Tra le proprietà benefiche della stevia rebaudiana ci sono una serie di vantaggi da non sottovalutare, specie nei confronti dei bambini, dei diabetici e di chi sia in forte sovrappeso. La stevia rappresenta oggi per i diabetici un’alternativa ai dolcificanti artificiali, fino a non molto tempo fa gli unici disponibili. Questi però contengono delle sostanze il cui utilizzo protratto nel tempo può dar vita a problemi di salute, specie nei soggetti particolarmente predisposti.

La stevia, per ovvie ragioni, può fornire un valido supporto all’interno dell’alimentazione degli obesi o di chi sia in sovrappeso. Se pensiamo alla cospicua quantità di calorie fornite nell’alimentazione quotidiana dallo zucchero (2 soli cucchiaini sono pari a 40 calorie circa) è facile dedurre quante se ne possano risparmiare utilizzando la stevia in alternativa a quest’ultimo.

Un cenno meritano infine i bambini i quali ogni giorno consumano merendine e snack molto zuccherati e ricchi di sostanze artificiali. L’utilizzo della stevia in sostituzione dello zucchero semolato nella realizzazione dei vostri dolci fatti in casa può arginare in maniera significativa il problema. La stevia trova utilizzo in medicina per la cura di alcune problematiche come l’ipertensione e per la cura delle pelle.

Quì trovate 4 ricette dolci con la stevia mentre quì tutto quello che vorreste sapere sul dolcificante di origine vegetale.

Photo Credit  | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>