Brunello di Montalcino Col d’Orcia 2002 (e due chiacchere sul 2002 ilcinese…)

di Andrea Gori 0

L’annata più piovosa e particolare dell’ultimo decennio ci regala un Brunello a dir poco sorprendente per eleganza morbidezza e piacevolezza di beva. A 6 anni dalla vendemmia il 2002 di Col d’Orcia è senza sbavature con acidità interessante ma non aggressiva, tannini fini ma presenti e ben maturi, un alcol misurato e una souplesse invidiabile.


Da bere adesso senza problemi per la piacevolezza notevole che esprime in tutte le sue componenti. Certo non è potentissimo e non ha tanto allungo ma il naso è di una eleganza incredibile per un 2002 e in bocca è più vivace e carnoso di quanto si poteva sperare. Del resto, vi ricordo che a Col d’Orcia erano stati molto in dubbio fino all’ultimo di produrre persino il Poggio al Vento nel 2002 date le condizioni molto buone delle uve. Si è poi deciso di uscire con una Riserva 2002 che ha stupito (nello sgomento generale) a Benvenuto Brunello 2008 e che potremo bere da Ottobre. Altra ed ennesima riprova che i grandi vini e i grandi vitigni sanno “leggere” il millesimo e adattarsi benissimo.
Clicca qui per una introduzione al 2002

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>