Vaniglia (Vanilla planifolia)

Spread the love

Vaniglia (Vanilla planifolia)

Inglese: vanilla; Francese: vanille; Spagnolo: vanilla; Tedesco: gewürzvanille.

Caratteristiche generali

La vaniglia è una pianta della famiglia delle orchidee, originaria del Messico ma attualmente coltivata in numerosi paesi. Dotata di foglie ovali carnose e piatte ad apice appuntito, la pianta si sviluppa come una liana, in grado di arrampicarsi ad alberi ed altri supporti per diversi metri. I caratteristici fiori hanno un colore dal bianco al giallo pallido. Il frutto, il cosiddetto baccello, è lungo anche trenta centimetri e matura diversi mesi dopo l’impollinazione della pianta. Contiene piccoli semi nerastri.

Varietà esistenti

Si conoscono diffferenti varietà di vaniglia, alcune delle quali particolarmente pregiate. Le più note sono la vaniglia bourbon, caratteristica del Madagascar, la vaniglia tahitensis, dal profumo caldo e speziato, e la delicata vaniglia tahiti.

Stagione e diffusione

Originaria del messico, la vaniglia predilige climi tropicali e cresce fino ai 700 metri sul mare. I maggiori fornitori al mondo, attualmente, sono il Madagascar e l’Indonesia, ma la pianta è coltivata anche in America, Oceania ed Asia.

Proprietà

La vaniglia ha proprietà aromatizzanti, coleretiche, digestive e stimolanti. Si ritiene inoltre possegga proprietà afrodisiache. Dai baccelli maturi si ricava la vanillina, principale componente aromatico della vaniglia, oggi prodotta anche sinteticamente.
Raccolta e Conservazione

La coltivazione della vaniglia con relativa raccolta e trattamento richiedono una notevole perizia, in quanto la fecondazione va realizzata manualmente e la preparazione della spezia è alquanto complessa.

Le capsule di vaniglia, lunghe 15-25 cm, vanno conservate in contenitori a chiusura ermetica, privilegiando un luogo fresco.

Principali impieghi in cucina

La vaniglia trova in cucina numerosissimi impieghi. Se nella cucina “esotica” di matrice africana o orientale compare anche come ingrediente di piatti salati, in Europa e nel nostro paese la ritroviamo soprattutto nei dolci: dal più classico gelato alla vaniglia allo yogurt, dai budini alle torte,sino alla panna cotta e al cioccolato.

Molto apprezzata anche con il tè o il caffè, la vaniglia si utilizza per liquori come il vov, grappe, creme e liquori aromatizzati.

Il nostro gustoso suggerimento: Bavarese alla Vaniglia

Note e curiosità
Il metodo di impollinazione manuale della pianta fu scoperto da un tale Edmond Albius, giovane schiavo dell’isola di Reunione, nel 1841.

E’ noto che gli Aztechi utilizzassero la vaniglia, mescolandola al cacao, per prepararne una bevanda molto apprezzata.

[photo | Flickr]

4 commenti su “Vaniglia (Vanilla planifolia)”

Lascia un commento