Nashi (Pyrus pyrifolia)

Nashi (Pyrus pyrifolia)

Francese: nashi; Inglese: nashi pear; Spagnolo: nashi; Tedesco: nashi.

Caratteristiche generali

Il nashi, noto anche come pera giapponese, pera d’acqua o pera-mela, è il frutto del pyrus pyrifolia, albero della famiglia delle rosaceae.

Originario della Cina centrale, produce frutti dalla buccia liscia e chiara, di colore giallo-verde o marroncino, con una forma che ricorda quella delle mele, polpa succosa e compatta, croccante, piuttosto zuccherina e poco acida.

Varietà esistenti

Si conoscono decine di cultivar del nashi, tra le quali si annoverano la Kosui, la Nijisseiki, la Shinko, la Hosui e la Chojuro, la Tama.

In Italia si contano più di 150 varietà, nonostante il frutto non sia tra i più diffusi.

Stagione e diffusione

Il maggior produttore mondiale di nashi è attualmente la Cina, seguita dal Giappone.

Il nashi è inoltre coltivato intensivamente in Corea del Sud, Nuova Zelanda, Stati Uniti ed Australia.

L’Italia è toccata solo in parte dalla coltivazione del nashi, la cui raccolta avviene solitamente tra agosto e settembre.

Valori nutrizionali e Proprietà

100 g di nashi (51kcal) contengono:

  • 85,8% d’acqua;
  • 0,2 g di lipidi;
  • 0,5 g di proteine;
  • 11,7 g di zuccheri;
  • 0,8 g di fibre;

Raccolta e Conservazione

Il nashi si può conservare, anche per più mesi, ad una temperatura tra gli 0 e gli 1 gradi.

I frutti vanno tenuti su un solo strato, evitando di sovrapporli.

Principali impieghi in cucina

Il nashi è ottimo consumato al naturale, ma può anche divenire la base di salse, macedonie o di ottimi antipasti a base di avocado e gamberetti. Infine, si può utilizzare per la preparazione di dolci o torte, esattamente come le pere e le mele.

Si pela come una comune pera.

Note e curiosità

Il nashi era conosciuto e consumato in Cina già 3000 anni orsono. Fu introdotto in America soltanto nel 1800 dai minatori cinesi.

Il termine nashi è giapponese, e vuol dire “pera”.

Diverse città giapponesi hanno adottato il fiore di nashi come fiore ufficiale della città.

[photo | Flickr]