Litchi (Litchi chinensis)

Litchi (Litchi chinensis)

Francese: litchi; Inglese lychee; Spagnolo: lichi; Tedesco: litschibaum.

Caratteristiche generali

Il litchi è il frutto dell’omonima pianta della famiglia delle Sapindaceae, originaria della Cina meridionale.

L’albero di litchi può raggiungere i 30 metri d’altezza, è dotato di foglie sempreverdi pinnate anche molto lunghe, e sviluppa i frutti in grappoli penduli.

Il frutto ha forma ovale, è lungo sino a 5 cm e ricoperto da un guscio rosso molto resistente, al cui interno è la dolce polpa bianca, che circonda un unico grosso seme.

Varietà esistenti

Esistono tante varietà di litchi, suddivise in varietà di montagna e varietà d’acqua. Cambia, in questi casi, anche la forma del frutto, talvolta rotonda altre volte ovoidale, ed altre caratteristiche come il colore della polpa o della buccia.

Tra le cultivar più conosciute si annoverano la “Hanging green“, particolarmente rara, la “Glutinous Rice Ball“, la “Vải thiều” e la “Concubine Smiles“.

Stagione e diffusione

Le origini del litchi si perdono quasi nella leggenda. Nativo probabilmente della Cina, il litchi entrò in Europa soltanto nel XIX sec.

Oggi i maggiori produttori di litchi sono India e Cina; piantagioni di litchi sono presenti anche a Taiwan, in Pakistan, in Cambogia, in Giappone, nelle Filippine, in Sudafrica, in California e in Brasile.

A parte qualche sporadica piantagione in Sicilia o Calabria, il litchi non è molto presente in Italia.

Valori nutrizionali e Proprietà

100 g di litchi (66 Kcal) contengono:

  • 0,83 g di proteine;
  • 0,84 g di grassi;
  • 16,53 g di carboidrati;

Il frutto è inoltre ricco di vitamina C, potassio, magnesio e fosforo.

Per via del suo potere antiossidante, è particolarmente benefico nel potenziare le difese immunitarie.

Conservazione

I litchi migliori presentano il guscio di una colorazione rossa molto accesa, ed hanno un aspetto chiaramente fresco.

Il frutto si conserva a temperatura ambiente o in frigo (nella parte meno fredda) anche per 2 settimane. Non preoccupatevi se il guscio assume una colorazione più scura.

Principali impieghi in cucina

Il litchi è ottimo al naturale, quando ben maturo. Per consumarlo bisogna incidere a metà il guscio per poi aprirlo e mangiarne la polpa.

Quest’ultima ha un colore bianco traslucido, sapore dolce e profumo che evoca la rosa.

Una breve bollitura preliminare può contribuire a rimuovere più facilmente la buccia.

In cucina si utilizza il litchi per sorbetti e cocktail, per farne liquori,  confetture o macedonie.

Si utilizza sia fresco che essiccato.

Note e curiosità

E’ risaputo che il litchi fosse il frutto preferito della concubina dell’imperatore Li Longji della dinastia Tang. Per venire incontro ai desideri della sua amata l’imperatore avrebbe utilizzato alcuni messaggeri imperiali a cavallo, il cui compito era quello di portare i frutti dal sud della Cina (unica località in cui crescevano) a corte, quotidianamente.

Il primo occidentale a riportare notizia del litchi è Pierre Sonnerat (1748-1814), durante un viaggio di ritorno dalla Cina.