Cardamomo (famiglia zinziberaceae)

Cardamomo (famiglia zinziberaceae)

Inglese: cardamom; Francese: cardamome; Spagnolo: cardamomo; Tedesco: kardamom.

Caratteristiche generali

Pregiato, inconfondibile, caratteristico: il cardamomo (o cardamono) è spezia dal sapore d’oriente, ricavata da due piante della famiglia delle zinziberaceae (cui appartiene anche lo zenzero).

In cucina si utilizza il caratteristico frutto, una capsula ripena di piccoli semi neri o marroni, di dimensioni differenti a seconda della varietà.

Varietà esistenti

Diverse sono le varietà da cui si produce il cardamomo consumato in cucina, appartenenti alle sottospecie elettaria ed amomum:

  • Elettaria cardamomum, conosciuto come cardamomo verde;
  • Elettaria repens, conosciuto come cardamomo di ceylon;
  • Amomum subulatum, noto come cardamomo nero; i semi di questa pianta sono più grandi dell’elettaria cardamomum, e l’aroma meno presente;
  • Amomum compactum;
  • Amomum costatum;

Stagione e diffusione

Coltivato al di fuori del nostro paese (prevalentemente in Asia), il cardamomo è reperibile in capsule essiccate (semi + guscio), semi decorticati o polvere.

 Proprietà nutritive e calorie

Questa spezia è particolarmente nota per le proprietà stimolanti e digestive. Ha inoltre proprietà carminative, favorendo l’espulsione di gas intestinali.

Conservazione

Il cardamomo si conserva all’ombra in contenitori ermetici.

Principali impieghi in cucina

La spezia si presta senza alcun problema ad un connubio con primi piatti, arrosti, dolci, creme e tisane, accompagnando indifferentemente portate dolci e salate.

L’odore forte e caratteristico ed il sapore speziato e leggermente piccante rendono il cardamomo adattissimo a piatti a base di riso, curry, salamoie, ciambelle e punch.

Piccole dosi di cardamomo entrano in torte al cioccolato, al the, panna cotta, creme, dolci.

La spezia consente inoltre di preparare eccellenti the aromatizzati, con o senza l’aggiunta di latte, utilizzando prevalentemente the nero.

In Svezia la spezia è tra gli ingredienti di una nota bevanda alcolica, il glogg, particolarmente forte ed aromatizzata con chiodi di garofano e cannella.

Nella cucina indiana, il cardamomo è tra gli ingredienti dei masala, caratteristica miscela di spezie, e di numerosi altri piatti.

Qualche consiglio, infine, per i nostri utenti. Suggeriamo un ottimo caffè al cardamomo, suggesiva variante dal sapore marcatamente orientale del classico caffè. Provare per credere.

Note e curiosità

Usanza vuole che il cardamomo, per via della natura delicata della pianta, si presti ad essere raccolto esclusivamente dalle donne, come ancora accade oggi in India.

Le sue proprietà afrodisiache eran decantate nelle mille e una notte e conosciute secoli addietro in Oriente, mentre in Egitto pare che le donne amassero bruciare questa spezia apprezzandone la fragranza.

La tradizione attribuisce al cardamomo numerose altre proprietà, tra cui quella di essere un antidoto per i morsi di scorpioni e serpenti.

E’ particolarmente utilizzato nella medicina tradizionale indiana e cinese, ancora oggi.

[photo | Flickr ]